Le dimissioni nel contratto a progetto

Se siete uno dei tanti lavoratori che in Italia hanno la sfortuna di aver firmato un contratto a progetto, vi starete domandando, vista la scarsità di informazioni su questo tipo di contratti: come faccio a dare le dimissioni con il contratto a progetto?

Innanzitutto iniziamo con la lettera di dimissioni volontarie. Dare le dimissioni è semplice (sotto c'è anche un consiglio prezioso): anche se non si è finito il progetto per cui si è stati assunti, basta preparare una lettera (oggetto: dimissioni) indirizzata al datore di lavoro, in cui comunicate la vostra intenzione di dare le dimissioni.

Il consiglio è quello di dare le dimissioni a inizio mese o il 15 del mese. Questo perché se si danno le dimissioni dal contratto a progetto a inizio mese, si ha la sicurezza di ricevere lo stipendio del mese appena passato (attendete il bonifico per consegnare la lettera di dimissioni) e si può andare via senza problemi.

Comunque pensateci bene prima di dare le dimissioni, a meno che non siate stanchi delle mille proroghe del contratto a progetto sempre con la stessa retribuzione, con questo tipo di contratto il vostro lavoro non è esclusivo e quindi potete collaborare con più committenti contemporaneamente, aumentando le vostre entrate.

Nel caso di un licenziamento, leggete i termini per il ricorso.

, ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

18 commenti :

  1. Grazie per le informazioni, sono molto utili e chiare. Una sola domanda. E' necessario spedire la lettera, la si può consegnare a mano? In tal caso serve una qualche ricevuta?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  2. @anonimo 26 maggio: si può consegnare a mano e volendo si può far firmare per presa visione. Si spedisce con raccomandata A/R quando il datore di lavoro non vuole accordare le dimissioni.

    RispondiElimina
  3. Buonasera,
    ho un contratto a progetto con indicato un preavviso di 30 gg in caso di dimissioni.
    Ho appena ricevuto l'ultimo stipendio. Se dovessi dare adesso immediate dimissioni senza preavviso, mi verranno certamente trattenute le 10 giornate circa lavorate nell'attuale mese. Mi chiedevo se per il restante mancato preavviso posso chiedermi un rimborso monetario non potendolo recuperare dall'ultima busta paga.
    Grazie mille

    RispondiElimina
  4. @anonimo 20 gennaio: si, ti verranno detratte le giornate che non fai dal tuo ultimo stipendio.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Inoltre volevo sapere se quando si manda la raccomandata con la lettera di licenziamento vale la data della spedizione della lettera oppure il giorno in cui arriva in azienda?? Se ho ad esempio nel contratto due settimane di preavviso e invio la lettera 18 giorni prima di dimettermi e la lettera arriva in azienda dopo 5 giorni dal mio invio e quindi i giorni rimarrebbero 13....fa testo il giorno dell'invio o l'arrivo in azienda?

    P.S per una questione di privacy potresti eliminare il mio precedente commento, visto che compare il mio nome e cognome. Grazie

    RispondiElimina
  7. @davide: se non indicato nel contratto, allora puoi non dare preavviso.

    RispondiElimina
  8. Potreste cortesemente rispondermi a quanto detto prima?

    RispondiElimina
  9. @davide: vale la data di spedizione.

    RispondiElimina
  10. Grazie per la risposta arianna. Ti volevo inoltre chiedere se devo spedire una semplice raccomandata con ricevuta di ritorno o devo fare qualcosa di particolare?
    Hai idea dove posso trovare un modello corretto di lettera di licenziamento?

    Grazie ancora.

    RispondiElimina
  11. @davide: devi inviare una raccomandata. il modello lo puoi vedere qui http://contrattolavoro.blogspot.it/2010/03/lettera-di-dimissioni-come-scriverla.html.

    RispondiElimina
  12. anche per un contratto a progetto devo seguire la lettera che mi hai indicato? perchè nella lettera si parla solo si lavoro determinato o indeterminato. Devo mettere determinato oppure a progetto?
    Devo modificare altro?
    Grazie in anticipo.
    gentilissima

    RispondiElimina
  13. @davide: devi mettere "contratto a progetto" e indicare la stessa dicitura che c'è sul contratto di assunzione.

    RispondiElimina
  14. Mi vorrei permettere, da imprenditore tartassato dalla principale associazione per delinquere italiana, ovvero l'INPS, di farvi notare che forse potevate iniziare questo articolo scrivendo "Se siete uno dei tanti che in Italia hanno la Fortuna di aver firmato un contratto a progetto e quindi di lavorare..."

    Grazie

    RispondiElimina
  15. buonasera. io sono stata assunta come educatrice da una cooperativa sociale a novembre con contratto a progetto. più che un contratto a progetto sembra un contratto a chiamata perchè mi fannno lavorare solo quando manca personale educativo nelle scuole/asili, per qualche ora e giorno a settimana.non ho un numero stabilito da contratto di ore mensili da fare. ora vorrei trovarmi un lavoro 'più stabile'. vorrei sapere se, per il mio possibile lincenziamento, valgono le stesse condizioni.
    grazie laura

    RispondiElimina
  16. Salve,

    ho un contratto a progetto (18 mesi) con una scuola privata per svolgere corsi di inglese. Purtroppo, le condizioni di lavoro oltre a essere precarie ho scoperto recentemente che il datore di lavoro ha modificato i termini del contratto a me e ad altre mie colleghe assunte nello stesso periodo. Secondo il primo contratto la busta paga sarebbe stata ogni 3 mesi entro il 21esimo giorno, successivamente dopo una settimana che avevamo già iniziato a lavorare, ci ha detto che la commercialista non aveva registrato il contratto in quella data e che quindi dovevamo firmare il contratto con la data esatta.Nel momento della firma il contratto sembrava completamente identico, ma solo recentemente, non vedendo soldi, mi sono resa conto che nel secondo contratto la busta paga e il compenso saranno a fine progetto salvo eventuali anticipi. Da contratto dovrei mandare un preavviso di 30 gg e inoltre c'è scritto recesso di COMUNE ACCORDO. Se invio la lettera con raccomandata per renderla valida ci vuole comunque la firma? Che cosa mi consiglia per assicurarmi il dovuto? Il datore di lavoro non sa ancora di tutto questo , inoltre continua a mentire riguardo i termini del contratto.

    Grazie.

    RispondiElimina
  17. @anonimo 28 maggio: rivolgiti subito ad un sindacato.

    RispondiElimina