Buoni Pasto: cosa sono e come funzionano

I buoni pasto sono un mezzo di pagamento dal valore predeterminato, in forma di tagliandi cartacei (più raramente, di una tessera con microchip), che può essere utilizzato per acquistare esclusivamente un pasto o prodotti alimentari.

Nel nostro paese i buoni pasto sono spesso indicati col termine inglese "ticket", dal marchio registrato del prodotto introdotto per primo sul mercato (Ticket Restaurant; senza dimenticare i buoni QUI! Ticket).

I buoni pasto sono utilizzati dal personale di aziende private ed enti pubblici, che li ricevono come servizio alternativo alla mensa aziendale interna; possono essere spesi solo in pubblici esercizi (bar, ristoranti ecc), "take away" o gastronomie di supermercati, convenzionati con le società emettitrici.

I buoni pasto non danno diritto al resto in denaro, qualora il valore della prestazione sia inferiore al valore nominale del buono. Nel caso la prestazione effettuata ha un valore superiore il dipendente dovrà pagare la differenza in denaro.

Inoltre i buoni pasto non possono essere convertiti in denaro, non possono dare diritto a ricevere prestazioni diverse da quelle previste dal contratto di ristorazione e non possono essere utilizzati da persone diverse dai dipendenti del cliente e non possono essere ceduti o commercializzati.

, , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

126 commenti :

  1. a chi spettano i buoni pasto? dipende dalle ore giornaliere lavorate?
    io lavoro 6,30 ore al giorno in una scuola privata, durante il pranzo lavoro -seguo i bambini- e mangio se posso!

    RispondiElimina
  2. @anonimo 2 febbraio: dipende dal numero dei dipendenti e dagli accordi integrativi che l'azienda ha con i dipendenti. dopo 6 ore di lavoro ti spetta il buono pasto.

    RispondiElimina
  3. Ho una domanda: il nostro orario di lavoro è il seguente: 8.30 - 13.00 e 14.00 - 17.30.
    Mi sono assentata per permesso dalle 14.00 e non mi è stato riconosciuto il ticket. A parer mio, avrei diritto perchè ho lavorato più di quattro ore.
    Grazie.
    Anna

    RispondiElimina
  4. @anna: no, non ti spetta. dovresti lavorare almeno 6 ore per il buono pasto.

    RispondiElimina
  5. Ho una domanda lavoro in un'azienda nel campo delle telecomunicazioni con contratto metalmeccanico, abbiamo sempre lavorato su turni (o almeno noi tecnici di laboratorio), ora da maggio l'azienda ci ha detto che faremo giornata, premetto che non esiste una mensa, volevo sapere: l'azienda è in qualche modo obbligata a darci dei buoni pasto o può anche rifiutare?

    RispondiElimina
  6. @anonimo 8 marzo: li da agli altri dipendenti che non facevano turni? per i buoni pasto bisogna prevedere un contratto integrativo tra dipendenti e azienda.

    RispondiElimina
  7. No che io sappia, ma allora l'azienda visto che superiamo le 80 persone non ci deve costruire una mensa?

    RispondiElimina
  8. @anonimo 8 aprile: non avete dei rappresentanti sindacali? dovresti sentire un sindacato e chiedere...

    RispondiElimina
  9. Io sono appena stata assunta da una ditta che produce mobili, non hanno la mensa e non danno buoni pasto. Io ho comunque accettato il lavoro perche mi sta bene così.
    Ora non vedo perche dovrei tirare su un vespaio pensando di obbligare la ditta a costruire un mensa... Ma ci rendiamo conto che più cose chiediamo alle ditte di fare più i prezzi aumentano, aumenta la concorrenza dei paesi vicini ecc ecc e alla fine i prodotti costeranno sempre di più e ci sarà sempre meno lavoro per noi!!!

    RispondiElimina
  10. buongiorno
    lavoro da 5 anni in una ditta con orario 8.30-12.30 e 14.30-18.30. abitando lontano non posso permettermi di rientrare a casa per il pranzo. quindi di solito rimango in ufficio e mangio qualcosa che mi son preparata la sera prima o compro un panino. I miei colleghi che abitano in zona invece vanno a casa. potrei richiedere i buoni pasto? o qualche agevolazione in merito?

    RispondiElimina
  11. @nina08: i buoni pasto fanno parte di un contratto integrativo che i dipendenti devono firmare e avere dall'azienda. non possono essere concessi singolarmente.
    prova a chiedere un'indennità per il fatto che tu non rientri a casa.

    RispondiElimina
  12. Buongiorno, lavoro in una azienda privata prendo regolarmente i buoni pasto nei giorni lavorati, ogni tanto ci capita di lavorare da casa in remoto con lo stesso orario d'ufficio. In quel caso lavorando da casa ho diritto ugualmente al buono pasto?
    Grazie

    RispondiElimina
  13. @anonimo 27 luglio: è controverso, personalmente non credo tu ne abbia diritto visto che puoi anche lavorare solo un'ora.

    RispondiElimina
  14. salve,
    io lavoro a tempo indeterminato dalla metà del 2008 in una S.p.A.
    con contratto del commercio
    IV livello, full time 38 ore effettive settimanali, i miei orari variano, mattino,centrale e pomeridiano, non ho mai avuto i buoni pasto, non è un mio diritto?
    mi hanno detto al personale che dipende dall'azienda a da noi da circa 5 anni non è previsto....esempio se faccio 8:00/15:00 devo per forza pranzare, è giuto che in base all'orario lavorativo io abbia l'obbligo di spendere sei soldi miei per pranzare? mi sembra un pò ingiusto ma in Italia non mi stupirei, però ho qualche dubbio...
    qualcuno che ne sa più di me può darmi delucidazioni
    GRAZIE MILLE ANTICIPATAMENTE
    SALUTI

    RispondiElimina
  15. @CetCoen: se è una spa mi sembra strano che non dia i buoni pasto. dovrebbero essere previsti. chiedi ad un consulente del lavoro per capire se si può fare.

    RispondiElimina
  16. nell'azienda dove lavoro (104 dipendenti) senza nessun contratto integrativo sono concessi i buoni pasto individuali secondo discrezione della direzione quindi una parte di impiegati li perpcepisce e altri no a prescindere dal ruolo e dal livello di inquadramento posso fare qualcosa per ottenerli?

    RispondiElimina
  17. @starnails: il comportamento dell'azienda è scorretto. Contatta un sindacato per capire come muoverti.

    RispondiElimina
  18. Sono apprendista assunta da poco in un'azienda di medie dimensioni, settore commercio.
    Il mio orario di lavoro è di 8 ore al giorno su 5 giorni a settimana.
    Le mie colleghe ricevono i buoni pasto, a me però non sono arrivati.

    Gli apprendisti hanno diritto ai buoni pasto?
    Ne ho diritto anche io, dato che gli altri colleghi li ricevono (apprendisti inclusi), oppure potrebbe anche essere che a me non spettino per qualche motivo?
    In tal caso, non essendoci una mensa, devo ricevere in busta paga una qualche indennità?

    RispondiElimina
  19. @anonimo 5 gennaio: devi ricevere i buoni pasto come gli altri.

    RispondiElimina
  20. Sono una apprendista, nel settore del commercio, in una piccola azienda con meno di 15 dipendenti.

    Lavoro 8 ore al giorno su 5 giorni a settimana. Le mie colleghe vivono vicino all'azienda tranne una che vive a 30km di distanza.

    Solo lei prende i buoni pasto. Vivendo lontana anche io non spetterebbero anche a me i buoni pasto?

    Non ho trovato nessun regolamento scritto che spieghi bene questa cosa.

    Grazie mille per il lavoro che fate per noi.

    RispondiElimina
  21. @sofia: o i buoni vengono dati a tutte o a nessuna. In base a cosa la tua collega riceve i buoni? Al fatto che vive lontana? Rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  22. SALVE,
    ho appena ricevuto (dopo 4 anni tra collaborazione e apprendistato) un indeterminato 5 livello. Mi hanno riferito che il lordo sarà di circa 24.500 euro senza buoni pasto.
    considerando che sono un coordinatore, e che quindi svolgo un compito di responsabilità e gestione risorse umane, chiedo come posso verificare la correttezza di quanto percepito?

    RispondiElimina
  23. @anonimo 3 luglio: qual'è il tuo CCNL?

    RispondiElimina
  24. metalmeccanico, ovviamente il lordo è annuale

    RispondiElimina
  25. metalmeccanico ... inoltre, considerando 40 ore settimanali con pausa pranzo giornaliera di 1 ora, chiedo anche se i buoni pasto mi spettano. Grazie in anticipo

    RispondiElimina
  26. @anonimo 3 luglio: direi che il lordo è ok! per i buoni pasto dipende dall'azienda, la tua li concede?

    RispondiElimina
  27. ...il bello è quello...alcuni a tempo indeterminato li ricevno ( i piu anziani)... mi sempbra che ora sia in disuso come plus da parte dell'azienda...

    Penso sia corretto che se li riceve almeno uno debbano averli anche gli altri nelle stesse condizioni contrattuali, no? o è normale che sia cmq a discrezione?

    RispondiElimina
  28. @anonimo 4 luglio: approfondisci il tutto con un sindacato. Comunque i buoni pasto vanno concessi a tutti se l'azienda li prevede.

    RispondiElimina
  29. ciao, all'interno della mia azienda (diverse sedi) i dipendenti, anche se di pari livello e mansioni, prendono buoni pasto di valore differente. E' normale?

    RispondiElimina
  30. @anonimo 6 luglio: assolutamente no.

    RispondiElimina
  31. Buongiorno,
    nella mia azienda, concessionario auto CCNL commercio 3 filiali circa una 70ina di dipendenti la quasi totalità a tempo inderteminato, non fornisce buoni pasto.
    Nello specifico io e le mie colleghe dell'amministrazione vorremmo capire se ne abbiamo diritto: tutte con T. indet 8 ore dalle 9-13/14-18 lunedì-venerdì, non abbiamo mensa né la possibilità di rientro a casa.
    Tutti i reparti però hanno orari diversi e una pausa di almeno 2 ore.
    Ne abbiamo diritto?

    RispondiElimina
  32. @emanu: certo che ne avete diritto. Dovete pero' sentire un sindacato.

    RispondiElimina
  33. grazie arianna chiederemo sicuramente.
    Un'ultima cosa, i ticket comportano una trattenuta in busta?

    RispondiElimina
  34. ottimo!!! grazie mille!!

    RispondiElimina
  35. Buongiorno,

    lavoro presso un'azienda con più di 200 dipendenti. Nella sede legale esiste una mensa all'interno della strittura a disposizione di tutti gli inpegati a vario titolo che operano nella sede, mentre nei vari punti vendita (è un'azienda commerciale) non se ne parla nemmeno. Lavoro a turni, e h 6,5 al giorno. E normale che ci sia una contratazione separata tra i dipendenti operanti nella sede in merito ai buoni pasto, e tutti gli altri? Inoltre svolgo la mansione di cassiera, pur essendo inquadrata con contratto di apprendistato proffessionalizzante. Ho diritto a indegnità di cassa?

    Grazie mille per la disponibilità.

    RispondiElimina
  36. @anonimo 7 ottobre: ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  37. Salve,
    lavoro in una azienda di 120 persone.
    Ai dipendenti che lavorano 8 ore vengono concessi i ticket.
    Io ho un contratto part time di 5 ore senza pausa pranzo: ho diritto al ticket?
    Grazie in anticipo per la risposta
    Saluti.

    RispondiElimina
  38. @anonimo 13 novembre: no, non hai diritto al ticket.

    RispondiElimina
  39. Lavoro in una società da un mese e sono turnista, ho chiesto alla mia azienda i buoni pasto, premetto che ho un contratto a tempo determiato di 8 ore lavorativo su h24 e loro mi hanno risposto in questo modo tramite email " Le ricordiamo che sta parlando di una contrattazione aziendale e non nazionale. La presenza/attribuzione del buono pasto deve essere accordata, nonché ben specificata, dall'azienda sulla lettera di assunzione." Sulla lettera di assunzione non ci è stato specificato nulla, e tra l'altro non ho avuto copia di alcuna disposizione aziendale cosa devo fare?

    RispondiElimina
  40. @anonimo 22 novembre: ma altri dipendenti in azienda hanno i buoni pasto?

    RispondiElimina
  41. Devo dire che questo non lo so, comunque sul mio contratto non è specificsato nulla se non che viene regolato dal ccnl dei metalmeccanici.

    RispondiElimina
  42. non saprei, so solamente che nel mio contratto non è specificato nulla se non la dicitura che riguarda la contrattazione fa capo al ccnl dei netalmeccanici.

    RispondiElimina
  43. @anonimo 24 novembre: i buoni pasto fanno parte dei contratti integrativi tra azienda e dipendenti. non sono regolati dal ccnl. senti un sindacato.

    RispondiElimina
  44. Salve, lavoro nel commercio 40 ore ripartite su sei giorni settimanali, almeno 6,30 ore al giorno,su turni mattina, pomeriggio, percepisco da anni i buoni pasto come una parte dei miei colleghi piu' anziani, mentre altri colleghi piu' giovani non ne ricevono. Per motivi di crisi aziendale il datore puo' togliermeli? perche' a sua detta non puo' piu' permettersi altre spese

    RispondiElimina
  45. @anonimo 6 dicembre: nella stessa azienda tutti devono avere gli stessi diritti. Quindi tutti hanno diritto ai buoni pasto, se erogati dall'azienda.

    RispondiElimina
  46. Ciao Arianna,

    volevo sapere se l'azienda deve fornire tale servizio, erogazione buoni pasto, oppure è totalmente a discrezione dell'azienda se fornire o no tale servizio. Se l'azienda deve erogare tale servizio, quali sono i requisiti che i dipendenti devono soddisfare?

    Grazie per il tuo tempo, Cesare

    RispondiElimina
  47. @cesare: i buoni pasto sono legati ad un accordo sindacale interno tra lavoratori e datore di lavoro.

    RispondiElimina
  48. ciao, siamo una filiale di 7 dipendenti, lavoriamo dalle 8 alle 12.30 e dalle 14 alle 19.00,avremmo diritto ai buoni pasto? o dipende dalla ditta se vuole concederli? abitiamo lontani qndi pranziamo in ufficio x' nn c'è una mensa.

    RispondiElimina
  49. @anonimo 19 gennaio: siete pochi per i buoni pasto, ci devono essere più dipendenti. se hai dubbi chiedi ad un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  50. Buongiorno a tutti,
    io ed il mio collega siamo assunti a tempo indeterminato per una azienda, ricevendo regolarmente i buoni pasto, almeno fino a Giugno 2012, da Luglio fino a Dicembre non li abbiamo più ricevuti, mentre quelli di Gennaio li abbiamo ricevuti sottoforma di moneta all'interno del cedolino. Tralasciando la situazione sopracitata (per altro molto discutibile), quando abbiamo firmato il contratto c'era proprio scritto che avremmo ricevuto i buoni pasto. Ora, questa nostra società è in liquidazione, la nuova società ci re-integrerebbe tramite firma di verbale di conciliazione, a voce ci hanno detto che non ci daranno più i buoni pasto...Ma a livello legale possono farlo?
    Grazie.

    RispondiElimina
  51. @anonimo 28 febbraio: se è un'altra azienda a mio avviso può farlo. Ti consiglio di sentire comunque un sindacato di categoria.

    RispondiElimina
  52. chi mi può chiarire se si ha diritto ai buoni pasto per i giorni lavorativi di 6 ore (non oltre)?

    grazie
    Lorenza

    RispondiElimina
  53. @lorenza: devi dare più informazioni. Comunque puoi provare a sentire un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  54. salve,
    lavoro nel settore turismo, per un albergo,come receptionist, contratto a tempo indeterminato, terzo livello. Non disponiamo di una mensa nella nostra struttura. Mi sono stati assegnati i buoni pasti finora, da un paio d'anni. Adesso per un contenzioso sulle mie buste paga, il titolare ha minacciato di togliermi i buoni pasti, per ritorsione. Lo può fare? E se lo facesse, la cifra corrispondente dovrà comunque essere aggiunta in busta paga, oppure la perderei? Grazie

    RispondiElimina
  55. @anonimo 23 marzo: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  56. Buonasera! Lavoro da tre anni con contratti tutti full time a tempo determinato per un'azienda che per pochissimi mesi mi ha fornito i buoni pasto, poi ha smesso dicendo che per i determinati non erano più previsti. Mi hanno fatto un mese fa un indeterminato part time verticale che prevede tre giorni di lavoro di cui due con l'ora di pausa. Da quello che ho capito leggendo, per i due giorni in cui da contratto è prevista l'ora di pausa mi spettano i buoni. Loro però continuano a darmi scuse. Questa volta mi hanno risposto che per le assunzioni a tempo indeterminato fatte dopo il 2011 i buoni pasto non sono più previsti e che in qualsiasi caso la distribuzione è a discrezione dell'azienda. Può l'azienda decidere a chi dare il buono pasto e a chi no? Nessun dipendente sul contratto ha specificato il diritto o meno a riceverlo, né tantomeno io. E comunque ci son state assunzioni nel 2012 di persone che però ricevono buoni pasto.
    L'azienda può fare come vuole? Ah, tra l'altro non abbiamo nessun rappresentante sindacale, quindi non so proprio a chi rivolgermi. Come faccio a far valere i miei diritti se ne ho? Eventualmente, si potrebbero anche chiedere gli "arretrati"?
    Grazie mille e buona notte a tutti.

    RispondiElimina
  57. @alessandra: i buoni devono essere dati a tutti quelli che ne hanno diritto, senza eccezioni. Rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  58. Ciao sono Barbara ho un contratto commercio 4 livello impiegata a tempo indeterminato da 40 ore la settimana su 5 gg...sono stata assunta da un anno e mezzo e non percepisco I buoni pasto mentre le mie colleghe che sono li da molto piú tempo li prendono...mi spettano anche a me o no? Se si come mi devo comportare? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
  59. @barbara: spettano anche a te, chiedili.

    RispondiElimina
  60. Buongiorno, lavoro a tempo indeterminato dal 2005 in una S.r.l.
    con contratto del commercio
    IV livello, full time 35 ore settimanali, orari 9:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00, non ho mai avuto i buoni pasto, è un mio diritto?Ho l'obbligo naturalmente della pausa pranzo dall 13 alle 14, ma è giusto che debba spendere i miei soldi per pranzare? La nostra ditta è piccola, solo 5 dipendenti di cui due in ufficio (io e la mia collega) e tre esterni. Premetto che io sono non residente e faccio circa 100 km per arrivare sul posto di lavoro, quindi per me è impossibile tornare a casa pr il pranzo.
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta che vorrete darmi.

    RispondiElimina
  61. @mariaelena: non hai diritto ai buoni perché la tua azienda ha troppo pochi dipendenti.

    RispondiElimina
  62. Salve vi spiego brevemente la situazione. Nella mia societa i buoni pasto vengono consegnati solo su alcuni appalti laddove viene previsti dei tiket. Come spesso pero avviene nelle societa che operano con appalti spesso per necessita si viene spostati in altri appalti laddove magari i tiket non sono previsti, pur essendoci le condizioni di legge per ottenere i tiket.
    Tendenzialmente se una persona percepisce i tiket perche precedentemente lavorava in un appalto Dove erano previsti ma poi viene spostato, Per esempio a causa della perdita di appalto, in uno Dove non sono previsti. . La mia azienda tende a continuare a emettere il tiket in favore di quel lavoratore, quasi come fosse un diritto acquisito che ormai non si puo togliere.
    Le mie domande a questo punto sono due: puo la societa togliere i buoni pasto qualora i colleghi magari si lamentassero di questa cosa, o in questi casi e come un diritto acquisito? E inoltre possono i colleghi su quel nuovo appalto pretendere anche loro i tiket a causa del fatto che il nuovo collega li percepisce, con la presenza dei fattori principali che lo consentono?
    Tengo a precisare che nel regolamento interno nulla ce al riguardo e il ricevimento dei tiket non prevede alcuna stipulazione scritta a livello contrattuale idem sul ccnl. Grazie spero possiate delucidarci evitando sindacati

    RispondiElimina
  63. @anonimo 31 maggio: purtroppo devi rivolgerti ad un sindacato di categoria.

    RispondiElimina
  64. Ho provato a trovare alternative visto che i sindacati al giorno d'oggi non servono a molto e manco loro sanno rispondere o risolvere il problema.. grazie lo stesso

    RispondiElimina
  65. Sono apprendista in un'azienda (V liv. commercio) più di 51 dipendenti (tutti full time 40 ore settimanali) suddivisi in piccole unità organizzative di 4 o 5 persone ciascuna sparse nel centro italia. Il primo giugno l'azienda ha comunicato via mail che i buoni pasto non sarebbero più stati dati ai dipendenti e che gli stessi non avrebbero più ricevuto neanche quelli relativi al mese di maggio.
    - Se i buoni pasto sono stati assegnati per più di un determinato lasso di tempo (in questo caso da sempre) a tutti i dipendenti non costituiscono un diritto acquisito? - La direzione può decidere di eliminarli senza che siano coinvolti i sindacati e in modo arbitrario?
    - Nel caso in cui non vengano più emessi, è diritto del dipendente richiedere un locale mensa? Se sì, con quali caratteristiche?
    - Il fatto che una parte delle persone all'interno di una filiale abbia possibilità di usufruire di un ampio e accessoriato locale mensa (comprensivo di cucina, lavastoviglie e altro) e tutte le altre unità organizzative non abbiano questa possibilità non costituisce un elemento discriminatorio verso chi è stato privato dei buoni?
    - Il fatto che i buoni pasto non ci sia evidenza all'interno della busta paga del rilascio dei buoni può costituire un elemento a favore dell'azienda? Ci sono comunque prove sostitutive del fatto che gli stessi venissero consegnati da sempre.

    Grazie.

    Roberta

    RispondiElimina
  66. @roberta: rivolgetevi subito ad un sindacato perché vi devono fornire un servizio alternativo.

    RispondiElimina
  67. Salve, volevo sapere se avendo fatto da scrutatrice alle elezioni politiche si ha diritto al ticket o meno, essendo considerata la giornata di assenza come una giornata lavorativa. Grazie

    Sara

    RispondiElimina
  68. @sara: non hai diritto al ticket giornaliero.

    RispondiElimina
  69. Buona sera volevo sapere se mi spettano i buoni pasto e se si come fare per averli dato che non mi sono mai stati dati e se sia possibile avere anche quelli per gli anni precedenti,lavoro in una azienda s.r.l. con contratto metalmeccanico confapi da 14 anni siamo 40 dipendenti a tempo indeterminato orario di lavoro dalle 08:30 alle ore 13:30 e dalle 14:30 alle ore 17.30 dal lunedi al venerdi aspetto una vostra cortese risposta

    RispondiElimina
  70. @vincenzo: ne avreste diritto ma dovete fare un accordo integrativo con il datore di lavoro.

    RispondiElimina
  71. La mia azienda sta trattenendo dalla busta paga il valore di buoni pasti erogati come anticipo all'inizio del rapporto di lavoro. E' una pratica lecita?

    RispondiElimina
  72. @anonimo 4 dicembre: cosa intendi per anticipo?

    RispondiElimina
  73. @ arianna: al momento dell'assunzione (10 anni fa)mi hanno anticipato una data quantità di buoni pasto che ora mi richiedono sotto forma di trattenuta monetaria in busta paga.

    RispondiElimina
  74. @anonimo 5 dicembre: non è una pratica lecita. hai firmato qualcosa quanto te li hanno dati?

    RispondiElimina
  75. @arianna: firmavo una distinta di consegna ogni volta con il numero dei buoni che mi venivano erogati in base ai rientri che effettuavo nel mese corrente. A regola avrei dovuto avere una compensazione mensile volta volta anzichè vedermi "regalare" dei buoni e ora vedermi decurtare un ammontare X dalla busta paga.

    RispondiElimina
  76. @anonimo 5 dicembre: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  77. Buongiorno , chiedo un informazione sui Ticket sul mio contratto di lavoro ce stata scritto che prendevo buoni pasti giornaliere di 5,29 .Nel mese di Gennaio ho lavorato anche dei gg 4 ore mi è stata dato i ticket a l'improviso la mia azienda a Febbriao mi dicono da punto in bianco non ho dirito ai ticket se faccio 4 Ore cosa faccio possu contestare Grazie

    RispondiElimina
  78. @malcom: hanno ragione per 4 ore di lavoro non hai diritto.

    RispondiElimina
  79. Buongiorno,
    Lavoro da circa sette mesi presso una società con contratto di commercio. I dipendenti in totale sono 9 (tra cui una fa 6 ore). Il mio ruolo precede che io faccia da controllo su tutte le attività. Quello che per me è un mondo sconosciuto, è l'erogazione dei ticket. Mi sono accorta che li hanno sempre consegnati, tranne per assenza causa malattia oppure giornata di ferie. Nel caso di permessi, anche solo di 4 ore, li hanno sempre concessi. Non c'è alcun accordo con la direzione.
    Le mie domande sono due:
    - se un dipendente prende delle ore di permesso, in quale caso devono essere riconosciuti?
    - per la persona che fa 6 ore, con pausa di 15 min, come ci si deve comportare? Le vanno riconosciuti, ma se prende ore di permesso?

    Vi ringrazio anticipatamente per i vs. chiarimenti.

    RispondiElimina
  80. @anonimo 21 aprile: devono essere riconosciuti per legge se si lavora fino a 6 ore.

    RispondiElimina
  81. Buongiorno, se l'orario di lavoro prevede una pausa di 1,5h sulle 8 lavorative totali, con il ccnl commercio è obbligatorio concedere i buoni pasto? E nella stessa situazione, con il ccnl chimici?

    Inoltre esistono regole per la concessione che derivano dalla distanza tra residenza e posto di lavoro?

    Grazie mille,
    Andrea

    RispondiElimina
  82. @andrea: il discorso dei buoni pasto dipende dal numero di dipendenti in azienda non dal ccnl ne' dalla distanza dalla propria abitazione del luogo di lavoro.

    RispondiElimina
  83. Buongiorno tempo fa mi avete risposto che i buoni pasto nella mia azienda sono dovuti e che dobbiamo fare degli accordi integrativi con l'azienda,fino ad adesso non siamo riusciti ad averli non li vogliono fare questi accordi,volevo sapere se un giorno andando via da lavoro è possibile recuperare i soldi dei buoni pasto che fino ad adesso non ci sono stati riconosciuti grazie mille in anticipo per la risposta

    RispondiElimina
  84. @vincenzo: puoi sentire un legale del lavoro per vedre se ci sono i presupposti per fare causa.

    RispondiElimina
  85. domanda : lavoro in un circolo di tennis da quasi 10 anni con turni alternati mattina e pomeriggio di 6h40minuti dalle 6,20 alle 13,00 o dalle 13,20 alle 20 praticamente pranzo e cena sono sempre a casa , e giusto che dallo scorso mese gli straordinari vengano pagati in buoni pasto senza avvertire nessuno dei dipendenti ( si parla di circa €200/250 tutti i mesi) drazie

    RispondiElimina
  86. Buonasera,
    lavoro da 4 anni nella gdo. I miei orari da full time sono flessibili, ma ho minimo 3 giorni a settimana le 8 ore. Io e i miei colleghi non abbiamo mai avuto i buoni pasto, mentre altri esercizi nello stesso centro commerciale li hanno. Secondo me ne abbiamo tutti diritto, chi da part time verticale, chi da full time, perchè abbiamo tutti lo stesso ccnl, ma l'azienda è refrattaria alle trattative e si impone in modo padronale. In che modo possiamo farceli dare?

    RispondiElimina
  87. @anonimo 19 giugno: dovete rivolgervi ad un sindacato.

    RispondiElimina
  88. Salve io ho sempre avuto i buoni pasto da quando lavoro (prima industria adesso commercio) e quando mi sono spostata nella penultima società l'azienda li dava (anche se non sono menzionati in contratto). Mi hanno poi passato in una società piu' piccola (mantenendo invariate tutti i miei benefit) nel 2009 ma comunque, i buoni pasto, li ho sempre avuti. Adesso nel 2014 dicono che li vorrebbero togliere perchè siamo 4 dipendenti. Possono toglierci un diritto acquisito da anni senza corrisponderci nulla?

    RispondiElimina
  89. @anonimo 7 ottobre: vi devono dare qualcosa di integrativo.

    RispondiElimina
  90. Buongiorno,
    Ho iniziato questo mese un contratto che prevede buoni pasto. Mi è stato detto che però li avrò dal mese prossimo in quanto vengono riconosciuti sulla base dei giorni lavorativi del mese passato. È corretto? primo mese di lavoro senza buoni pasto ?

    RispondiElimina
  91. Domanda: l'azienda in cui lavoro ci riconosce i ticket, solitamente il ns datore di lavoro ce li porta presso il luogo di lavoro visto che lavoriamo nella sede dei clienti, questo mese ci ha chiesto di andare a prenderli presso la sede della società, quindi dovrò anticipare l'uscita dal cliente. Mi verranno defalcate queste ore dal monte dei permessi o mi verranno retribuite come lavoro ordinario? Nel caso in cui vada a prenderli dopo l'uscita regolare mi vengono riconosciuti come straordinario? Grazie

    RispondiElimina
  92. @anonimo 12 novembre: queste sono domande che devi porre al tuo datore di lavoro.

    RispondiElimina
  93. Buongiorno lavoro per un spa con 500 dipendenti noi siamo nella sede distaccata con 30 dipendenti lavoriamo sia su turni che orario ufficio con pausa pranzo. Mentre nella sede centrale percepiscono tutti regolarmente buoni pasto la sede distaccata no. È corretto secondo lei? Il lavoro è il medesimo... Grazie

    RispondiElimina
  94. @anonimo 22 gennaio: non è assolutamente corretto.

    RispondiElimina
  95. Buonasera,

    lavoro da 4 anni in una piccola azienda (meno di 15 dipendenti), ed ho sempre ricevuto i ticket (sia nel primo anno, a tempo determinato, che dopo, a tempo indeterminato).
    La regola (interna, credo) è sempre stata, da quando lavoro io lì (2011), che facendo ALMENO 4 ore (su 6 o 8, indifferentemente), si aveva diritto al ticket (un ticket di ben 4 euro).

    Oggi (ancora nn è una comunicazione ufficiale) è stato deciso che non si farà più così.

    Vorrei sapere se, visti i precedenti accordi, possono cambiare così, di punto in bianco, le cose e, inoltre, vorrei chiedere questo:
    orario lavorativo 8-12 e 13.00-17.0
    Se io faccio 8-12 + 13.00-13.30 ho diritto al ticket, no? Mi sono fermata per la pausa!

    Trovo assurdo questo cambiamento, specialmente perché abito a 20 km di distanza e DEVO mangiare fuori, non è una scelta, e 4 euro nn bastano; figuriamoci se una persona, magari x visite, ne perde 2-3 in un mese!!

    Grazie.

    RispondiElimina
  96. @anonimo 17 febbraio: ora come funziona con le nuove regole. Di solito per ottenere un buono pasto sono necessarie 6 ore di lavoro.

    RispondiElimina
  97. Sono dipendete di una società informatica, ho un contratto a tempo indeterminato e il mio orario di lavoro è dall 9.00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:00, ho diritto al buono pasto?

    RispondiElimina
  98. @elisa: la domanda è diversa. La tua azienda li fornisce già a qualche dipendente?

    RispondiElimina
  99. Salve, sono dipendente di una S.p.A. con contratto indeterminato part-time di 6 ore senza pausa pranzo. Vorrei sapere se mi spettano i buoni pasto.
    Grazie!

    RispondiElimina
  100. @anonimo 20 febbraio: dipende dai dipendenti dell'azienda.

    RispondiElimina
  101. Ho un dubbio: ho firmato stamattina un contratto part time il quale mi da diritto ad un buono pasto di 2 euro e rotti al giorno...
    Quando vengono dati questi buoni? Oggi non mi è stato dato nulla ed essendo il mio primo lavoro con questa clausola mi chiedevo se arrivassero a fine mese o quotidianamente...
    Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  102. @francesca: solitamente arrivano a fine mese.

    RispondiElimina
  103. Buongiorno, lavoro in una cooperativa da 4 anni, siamo in 400 e più dipendenti. Oggi ho scoperto dal sindacato che dovrei avere diritto al buono pasto da 5,29 euro, ma ogni volta che l'ho richiesto mi hanno detto che non mi è concesso, anche se altri lavoratori lo percepiscono.
    La mia domanda è: se mi rivolgessi a un sindacato o ad un avvocato per ottenerli, è possibile chiedere anche gli arretrati che non mi hanno mai erogato in questi anni?

    RispondiElimina
  104. @anonimo 26 febbraio: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  105. Buongiorno, lavoro in uno studio di commercialisti e sono inquadrata al III livello del CCNL degli studi. Il nostro CCNL non prevede l'erogazione dei buoni pasto però il mio contratto personale, quello che mi hanno fatto firmare al momento dell'assunzione, tra le clausole retributive prevede l'erogazione dei buoni pasto. Qualche giorno fa ci hanno comunicato a voce che stavano pensando di sospendere l'erogazione dei buoni per qualche tempo ma nulla di più. Oggi ci hanno dato i cedolini di marzo e nel corpo della busta paga manca la chiamata dei ticket. Avrei bisogno di sapere se possono sospendere a loro discrezione l'erogazione dei buoni solo perché il ccnl non li prevede o dal momento che sul mio contratto personale si erano impegnati a concederli ora hanno l'obbligo di darli. Grazie

    RispondiElimina
  106. @anonimo 7 aprile: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  107. Buonasera,lavoro in un albergo come receptionist, faccio 40 ore settimanale, per 5 giorni settimanali. Siamo in totale 3 dipendenti. Ho diritto ai buoni pasto? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 18 settembre: per avere i buoni pasto devi avere un contratto integrativo. Chiedi al datore di lavoro.

      Elimina
  108. Salve,
    lavoro da anni in un'azienda che paga il pranzo (non con buoni che io sappia, ma con un accordo più tipo mensa) solo ai dipendenti che vengono da fuori e non mi sono mai posto il problema sulla questione poiché abito vicino al posto di lavoro e la pausa è relativamente lunga; a oggi è sorta una necessità (Aziendale ma non in orario lavorativo oltretutto) per la quale un paio di giorno a settimana la mia pausa si accorcia obbligatoriamente a non più di 30/40 minuti. E' giusto che l'azienda continui a pagare il pranzo a chi viene da fuori e non a chi sta nella stessa città? Oltretutto in una casistica come quella sopra descritta?

    Grazie!

    RispondiElimina
  109. ANONIMO DOMENICA,GENNAIO 16-01-2016
    SALVE
    Lavoro in una ditta di pulizia nel centro commerciale ho il contratto a tempo indeterminato a 40 ore settimanale a ciclo continuo ,facciamo giornate da otto ore,giorni da 7 ore, giorni da 6, giorni da 6 e mezzo su cinque giorni di lavoro e uno di riposo,lavoriamo il sabato e la domenica fino a 9 mesi ci dava il 50% la domenica e il 25% la sesta giornata il sabato,dopo otto mesi ci ha detto che la domenica e un giorno normale per accontentarci a messo in mezzo il ticket per premio.Ci lavoro da tre anni e non ci a mai dato il ticket.

    RispondiElimina
  110. Se c'é la mensa ma io non ne usufruisco perche preferisco portarmelo da casa,ho diritto a un integrazione.perche cosi ci rimetto solo io e l azienda ci guadagna,visto che per me non spende.grazie

    RispondiElimina
  111. Buon giorno, lavoro in una società in cui mi riconoscono l inserimento di 88 euro mensili di rimborsi, poichè; quando era spa i dipendenti avevo il ticket restaurant cartaceo.
    Premetto non avere nessun dettaglio sul ctr firmato , tanto meno aver ricevuto modulo del regolamento da firmare a riguardo.
    Chiedo sapere: lavorando con accordi col titolare da casa ove giornalmente mandavo lui l e mail di quante ore svolgevo , ed erano sempre più di 8, avevo diritto o no ad avere questi 4euro al giorno?
    Quando in ferie non spettano?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @claudia: rivolgiti subito ad un sindacato.

      Elimina
  112. Grazie per il consiglio, proverò domani stesso a confrontarmi col titolare a riguardo.Se può servire scriverò quanto succederà, qualora potesse servire a qualcuno.

    RispondiElimina
  113. Buon giorno
    chiedo se i buoni pasto, di un totale di 88 euro che inseriamo al mese come voce nel modulo dei rimborsi, è legale che siano solo per 11 mesi, escluso agosto.Si consideri che gli uffici son aperti e si lavora
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @claudia: i buoni pasto sono dati solo per i giorni effettivamente lavorati. quindi dipende da quello l'erogazione o meno.

      Elimina
  114. Tal clausola è stata scritta nel nuovo regolamento aziendale 2016, come da richiesta del collga e firmata dal Titolare.
    E' quindi possibile contestarla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @claudia B: è difficile contestarla.

      Elimina
  115. Grazie, mi è stata di grande aiuto

    RispondiElimina
  116. Buongiorno,ho un contratto ccnl commercio in una azienda con meno di 8 dipendenti, lavoro 8 ore 4 mattino e 4 pomeriggio. Non ricevo buoni pasto. Li riceverei volentieri, non avendo la possibilità di tornare a casa nella pausa.Il mio contratto prevede che siano obbligatori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 14 giugno: sono obbligatori solo se hai un contratto integrativo di secondo livello. E viste le dimensioni della tua azienda non credo tu l'abbia.

      Elimina
  117. Salve. Iltimamente riceviamo i buoni pasto non a fine mese o inizio di quello successivo ma intorno al 20 del mese. Ora è arrivata comunicazione che i ticket verranno erogati in due tempi: 10 ticket al 1 del mese e il saldo entro il 15 (dopo aver fatto il conteggio delle presenze). È corretto o ci sono delle tempistiche da rispettare? Grazie

    RispondiElimina