Contributi non versati: pene più severe - Collegato Lavoro 2010

Con l'entrata in vigore del Collegato Lavoro 2010, ci sono pene più severe per i contributi non versati dal datore di lavoro.

Infatti il mancato versamento dei contributi Inps per chi ha un contratto a progetto prevede la reclusione fino a 3 anni e una multa fino a 1.033 euro.

I collaboratori a progetto (co.co.co.) si vedono per la prima volta riconosciuti, in questi casi specifici, gli stessi diritti dei lavoratori con contratto a tempo determinato o indeterminato.

Naturalmente anche per i lavoratori a tempo determinato o indeterminato esistono delle tutele in caso di contributi non pagati. Infatti in caso di omissione contributiva (omesso o ritardato pagamento di contributi) del datore di lavoro è tenuto al pagamento di una sanzione civile (+ 6,5% nel 2010 dei contributi da versare).

Leggi le informazioni sulla Gestione Separata, tutte le novità del Collegato Lavoro 2010, con gli argomenti più dibattuti e le informazioni per i lavoratori, le informazioni sulla pensione 2011 e su come segnalare i contributi non versati all'Inps.

, , , , , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

4 commenti :

  1. buongiorno
    ma se i collaboratori a progetto i massa si licenziano portandosi via i clienti, e l'azienda subisce un danno come paga i contributi allo stato?????.... francesco1868@tiscali.it

    RispondiElimina
  2. @francesco: non capisco cosa vuoi dire?

    RispondiElimina
  3. Salve,
    volevo chiedere cosa succede se il datore di lavoro che ha denunciato all'inps i contributi ma che non li ha poi versati materialmente ed è arriavato al recupero crediti, in caso di fallimento o chiusura dell'azienda cosa succede? i contributi si perdono o cmq li garantisce l'inps che non è riuscita a recuperarli?

    grazie

    RispondiElimina
  4. @anonimo: su questa problematica ti consiglio di rivolgerti all'Inps.

    RispondiElimina