Lavoro in nero - Nuove sanzioni civili del Collegato Lavoro 2010

Nuove sanzioni civili per il lavoro in nero: il Collegato Lavoro 2010 prevede infatti l'inasprimento delle misure per contrastare il lavoro sommerso.

Le nuove sanzioni per il lavoro in nero sono calcolate prendendo come base il 30% della contribuzione evasa in un anno (fino ad un massimo del 60%). L'importo che si ricava dovrà essere aumentato del 50%. Per esempio se la contribuzione è di 10.000 euro l'anno, la sanzione sarà: 30% di 10.000 euro= 3.000 euro+50%=4.500 euro.

Rispetto alle normative precedenti, il Collegato Lavoro 2010 prevede il lavoro sommerso o lavoro in nero, per tutti i lavoratori per i quali non ci sia stata comunicazione preventiva del rapporto di lavoro ai Centri per l'Impiego. Le nuove sanzioni civili si applicano per gli accertamenti iniziati dopo l'entrata in vigore del Collegato Lavoro (24 novembre 2010).

Una delle novità più importanti riguarda l'Inps e i suoi ispettori che con la nuova legge avranno il potere di contestare e notificare la cosiddetta "maxisanzione" per ogni lavoratore in nero, che va da un minimo di 1.500 euro fino ad una cifra massima di 12.000 euro.

, , , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

2 commenti :

  1. Buonasera, ho un contratto a tempo determinato 1 livello per dipendente da azienda metalmeccanica - piccola industria, i giorni di preavviso in caso di dimissioni sono 7? O variano se il contratto è a tempo determinato? Grazie!

    RispondiElimina
  2. @anonimo 25 giugno: il contratto metalmeccanici prevede che un lavoratore a tempo determinato non possa terminare il contratto prima della scadenza. Quindi, accordati con il tuo datore di lavoro.

    RispondiElimina