Contributi non versati INPS - Come fare la segnalazione [AGGIORNATO]

In molti ci avete scritto chiedendo chiarimenti sui contributi non versati all'Inps. Cosa fare? Come comportarsi? Soprattutto come fare la segnalazione e far valere i propri diritti?

Ritrovarsi con i contributi non versati non è una bella situazione, soprattutto per chi ha lavorato degli anni e si ritrova nell'estratto contributivo Inps solo una parte dei contributi maturati. Sul blog potete leggere la procedura per controllare la vostra situazione contributiva per lavoro dipendente e gestione separata.

La cosa più semplice da fare è la segnalazione online dei contributi non versati:
  1. Accedete con PIN e Codice Fiscale ai servizi online Inps dopo aver cliccato su "Servizi per il cittadino"
  2. Cliccate sul "Fascicolo Previdenziale del Cittadino"
  3. Sul menu a sinistra cliccate poi su "Posizione assicurativa" e subito dopo su "Segnalazioni contributive"
  4. A questo punto potete effettuare una segnalazione ("Gestione") o controllare gli "Esiti" di quelle già effettuate
  5. Nella parte dedicata alla "Gestione" dovete scegliere il tipo di contributi mancanti (es. lavoro dipendente o gestione separata) e inserire poi i periodi che non risultano. Vi consigliamo di inserire nel campo "matricola" la posizione Inps della vostra azienda che è riportata sulla busta paga del mese di cui non risultano i contributi. 
Un altro modo per segnalare all'Inps la mancanza di contributi è tramite il numero verde (803.164). Qui gli operatori potranno fare al vostro posto la procedura e inviarvi anche a casa una copia delle segnalazioni che comunque è possibile salvare anche con la procedura online.

Un consiglio! In entrambe i casi dovete avere sottomano i contratti di lavoro, le buste paga e i CUD dei periodi di lavoro "incriminato".

, , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

15 comments :

  1. sono una donna, madre di due figlie, nata il 05/12/1958. ho intrapreso il mondo del lavoro dal 20/01/2005, ho un contratto partime a tempo indeterminato. Vorrei sapere se mi è possibile arrivare ad un minimo di pensione senza dover intervenire con dei contributi volontari. Grazie

    RispondiElimina
  2. @anonimo 24 dicembre: no, non è possibile. se hai dubbi vai da un patronato.

    RispondiElimina
  3. ciao tutti scrivo per avere un informazione.mia mamma ha lavorato per dieci anni come collaboratrice domestica e ha avuto i contributi versati solo per sette anni;i primi tre anni di lavoro non ha avuto i contributi.cosa posso fare??? posso rivolgermi all'inps per denunciare questa situazione??? grazie...

    RispondiElimina
  4. @anonimo 26 gennaio: rivolgiti direttamente all'Inps.

    RispondiElimina
  5. Ciao, anche io come gli altri ho dei buchi temporali nella mia posizione assicurativa da collaboratore.
    Sicuramente faro' la denuncia contributiva, ma sostanzialmente la mie domande sono:
    - sull'estratto conto restibutivo i contributi che mi mancano risultano inviati al recupero crediti.Quindi e' l'inps che si sta occupando della questione?
    -se le societa'(di consulenza informatica nel dettaglio) da una visura alla finanza risultano fallite, c'e' modo di recuperare questi contributi!?

    RispondiElimina
  6. @Ir3n3: ti consiglio di sentire l'Inps per avere tutti i chiarimenti del caso.

    RispondiElimina
  7. Salve, in passato ho cambiato spesso lavoro (sempre con contratti a tempo indeterminato) ma tra un lavoro è l'altro ogni tanto ho lasciato 4-5 gg lavorativi "scoperti", nel senso che il lavoro precedente si chiudeva una settimana prima della data di inizio del successivo. Questo comportamento mi ha creato dei "buchi" contributivi che potrebbero creare problemi al momento del calcolo della pensione? Grazie!

    RispondiElimina
  8. Io ho denunciato sia online che di persona.....risultato? Nessuno,anzi mi è stata respinta la domanda di disoccupazione anche se la denuncia lo fatta prima ancora che mi scadesse il contratto di lavoro.

    RispondiElimina
  9. @anonimo 11 novembre: prova a rivolgerti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  10. Salve
    ho fatto domanda di disoccupazione DIS-COLL il 17/09 mi è stata respinta in quanto non possiedo i contributi necessari ; ho coperti 2 mesi anziché i 3 richiesti per poter averne diritto. Ho chiesto all'Uff. busta paga se effettivamente sono stati versati solo 2 mesi loro mi hanno confermato che li hanno versati tutti , come è dimostrato dal riepilogo dei contributi versati ... Allora mi domando SE PER TUTTI I MESI LAVORATI SONO STATI VERSATI TUTTI I MESI , PER QUALE MOTIVO RISULTANO COPERTI SOLO 2 MESI ?!? I MESI COPERTI COME VENGONO CALCOLATI ?
    Grazie
    Zooey81

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Zooey81: devi contattare l'inps e verificare con loro il perché. per fare più veloci senti un CAF e vedi se le cose risultano come dicono al lavoro.

      Elimina
  11. Salve, la mia compagna, che svolge il lavoro di collaboratrice domestica, al momento della richiesta della maternità si è visto respingere il pagamento della relativa indennità perché non risultano versati i contributi dovuti. Per il recupero dei medesimi siamo andati all' ispettorato del lavoro, e adesso la cosa andrà avanti con i suoi tempi. Inoltre, per non far finire in prescrizione i primi contributi non versati, abbiamo fatto la segnalazione contributiva tramite il portale Inps, sezione "posizione assicurativa", sottosezione "segnalazioni contributive", ed abbiamo esposto le circostanze occorse (mancanza di 3 trimestri su 4 dei contributi dal 2012 ad oggi". Con grande meraviglia sono entrato nel portale, e mi ha dato come esito "Respinta". Ma che significa? Se i contributi mancano, mancano! Mica ce lo siamo inventato. Come possiamo fare per capire cosa sia successo, e far valere i nostri diritti di non veder cadere i contributi in prescrizione? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @giacomo: dovete farvi seguire da un patronato.

      Elimina
    2. Ci abbiamo provato, ma con scarsi risultati...lì dove siamo andati il personale di queste cose ne capisce poco, mi sa che allora bisogna cambiare patronato. Quello di cui non mi capacito è che alla sede territoriale Inps sanno benissimo che il datore di lavoro non ha versato i contributi, ma fanno alla ponzio pilato.

      Elimina