Manovra Finanziaria 2011 - Cosa cambia con il Maxiemendamento

Il maxiemendamento alla Manovra Finanziaria 2011 apporta diverse variazioni al testo del Decreto Legge e alcuni sono molto interessanti per il mondo del lavoro:
  • Il forfait del 5 per cento per le attività di nuova costituzione potrà essere applicato anche oltre il quarto periodo d'imposta successivo a quello d’inizio dell'attività, ma non oltre il periodo di imposta di compimento dei 35 anni di età. Torna dunque il limite dei 35 anni per l'applicazione del forfettino
  • Tranne che per le professioni ove "è prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale" (art.33, co.5 della Costituzione) il Governo avrà 8 mesi per proporre una riforma e per ciò che non verrà regolamentato si applicherà la liberalizzazione
  • E' confermato il meccanismo di limitazione crescente della perequazione fino al 2013 per gli scaglioni fino a 1.428,00, fino a 2.300,00 e oltre 2.300,00 euro. La limitazione non tocca le pensioni che arrivano fino a 1.428,00 euro, mentre viene riconosciuto solo il 70% della rivalutazione alle pensioni della fascia intermedia. Oltre i 2.300,00 euro, viene confermato il blocco totale della perequazione
  • Viene introdotto, a partire dal 2013, il sistema che adeguerà i requisiti pensionistici alla speranza di vita, secondo i dati Istat
  • Dal 1° agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014, i trattamenti pensionistici corrisposti da enti gestori di forma di previdenza obbligatorie, i cui importi superino i 90.000,00 euro lordi annui, sono assoggettati a un contributo di perequazione pari al 5% della parte eccedente tale importo fino a 150.000,00 euro e pari al 10% per la parte eccedente 150.000,00 euro
  • L'accesso al pensionamento indipendentemente dai requisiti anagrafici viene posticipato: la maturazione dei requisiti viene prorogata di un mese per quanti lo maturano nel 2012, di due mesi per la maturazione nel 2013 e di tre mesi per la maturazione al 1° gennaio 2014
  • Verranno ridotti del 5%, a decorrere dal 2013, e del 20%, a decorrere dal 2014 - se entro il 30 settembre non verranno adottati provvedimenti in materia fiscale e assistenziale che riordinino la spesa in materia sociale - i regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale previsti dall’allegato C bis alla Manovra, fra cui si segnalano: agevolazioni per la casa, per la famiglia, gli sgravi concessi sui redditi da lavoro e sulle pensioni, la detassazione dei premi di produttività, la deduzione dei contributi versati alla previdenza integrativa ecc.
Leggi anche le informazioni sulla manovra 2011-2012, le novità sulle pensioni della manovra correttiva di agosto 2011 e le novità della Manovra 2011 per stage e tirocini.

, , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 commenti :

Posta un commento