Andare in pensione - Età e importi anno per anno

Per i lavoratori dipendenti, autonomi o parasubordinati, a che età si va in pensione nei prossimi anni e con che importi?

Lavoratori Dipendenti al 2015
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 63 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 72,4% (dell'ultima retribuzione) o del 75,3% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 74,4% (dell'ultima retribuzione) o del 77,5% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 40 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 87,7% (dell'ultima retribuzione) o del 90,8% in previdenza complementare
Lavoratori Autonomi al 2015
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 63 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 68,4% (dell'ultima retribuzione) o del 77,7% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 69,8% (dell'ultima retribuzione) o del 79,4% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 40 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 99,4% (dell'ultima retribuzione) o del 111,5% in previdenza complementare
Lavoratori Dipendenti al 2030
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 63 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 65,1% (dell'ultima retribuzione) o del 74,7% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 68,3% (dell'ultima retribuzione) o del 78,5% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 40 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 77,4% (dell'ultima retribuzione) o del 87,6% in previdenza complementare
Lavoratori Autonomi al 2030
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 63 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 51,1% (dell'ultima retribuzione) o del 67,3% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 53,3% (dell'ultima retribuzione) o del 70,5% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 40 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 63,7% (dell'ultima retribuzione) o del 81,7% in previdenza complementare
Lavoratori parasubordinati al 2040
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 63 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 48% (dell'ultima retribuzione) o del 69,7% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 35 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 50,4% (dell'ultima retribuzione) o del 73,3% in previdenza complementare
  • Anzianità contributiva di 40 anni ed età anagrafica di 65 anni - retribuzione in previdenza obbligatoria del 56,1% (dell'ultima retribuzione) o del 79,4% in previdenza complementare
Scopri le novità delle pensioni 2011.

, , , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

2 commenti :

  1. salve e grazie,chiedo dopo dieci anni io mi sono licenziato dalla ditta a settembre 2011 ma tfr neanche l'ombra ma quanto tempo ci vole? e se ritardano cosa devo fare?

    RispondiElimina
  2. @anonimo 20 gennaio: dovrebbero averti già pagato il tfr. Al massimo viene pagato entro 2-3 mesi dal licenziamento. Rivolgiti subito ad un sindacato e poi eventualmente ad un avvocato.

    RispondiElimina