16 aprile 2012

Infortunio in itinere

Nell'infortunio in itinere viene data copertura assicurativa per gli infortuni subiti dai lavoratori assicurati durante il tragitto per raggiungere o rientrare dal posto di lavoro. Accade invece diversamente per quanto riguarda la visita fiscale in caso di infortunio sul lavoro.

L'Inail prevede la tutela del lavoratore nel caso in cui l'evento sia occorso:
  • durante il normale percorso di andata e ritorno dall'abitazione al posto di lavoro (sono esclusi dalla tutela gli infortuni occorsi entro l'abitazione, comprensiva delle pertinenze e delle parti condominiali)
  • durante il normale percorso che il lavoratore deve fare per recarsi da un luogo di lavoro ad un altro, nel caso di rapporti di lavoro plurimi
  • durante l'abituale percorso per la consumazione dei pasti qualora non esista una mensa aziendale
L'Inail precisa che le interruzioni e deviazioni del normale percorso non rientrano nella copertura assicurativa ad eccezione dei seguenti casi:
  • interruzioni/deviazioni effettuate in attuazione di una direttiva del datore di lavoro
  • interruzioni/deviazioni "necessitate" ossia dovute a causa di forza maggiore (es. guasto meccanico) o per esigenze essenziali ed improrogabili (es. soddisfacimento di esigenze fisiologiche) o nell'adempimento di obblighi penalmente rilevanti (es. prestare soccorso a vittime di incidente stradale)
  • le brevi soste che non alterano le condizioni di rischio.
L'assicurazione vale anche nel caso di utilizzo di un mezzo di trasporto privato, a condizione che sia necessitato l'uso, come per esempio per l'infortunio in itinere in bicicletta. Come per esempio nel caso di inesistenza di mezzi pubblici che colleghino l'abitazione del lavoratore al luogo di lavoro, incongruenza degli orari dei servizi pubblici con quelli lavorativi e distanza minima del percorso tale da poter essere percorsa a piedi.

Leggi i minimali Inail 2014 relativi a retribuzioni e premi e come comportarsi con la visita fiscale.