Lavoratori svantaggiati al sud - Assunzioni con sconti fiscali

I datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato i lavoratori svantaggiati al sud, tra il 14 maggio 2011 e il 13 maggio 2013, possono usufruire di uno sconto fiscale del 50%.

Sono coinvolte tutte le regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicialia e Sardegna. L'importo totale stanziato dal governo e appena approvato dalla Conferenza Stato Regioni, il 10 maggio 2012, è di 142 milioni di euro.

Per prima cosa è bene definire chi è un lavoratore svantaggiato:
  • chi non ha un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi
  • chi non possiede un diploma di scuola media superiore o professionale
  • i lavoratori che hanno superato i 50 anni di età
  • chi vive solo con una o più persone a carico
  • i lavoratori occupati in professioni o settori caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna (che risultano da apposite rilevazioni ISTAT)
  • chi è membro di una minoranza nazionale
Sono definiti "molto svantaggiati", invece, i lavoratori privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi.

Il bonus per l'assunzione consiste in uno sconto del 50% dei costi salariali sostenuti nei dodici mesi successivi all'assunzione per ciascun lavoratore "svantaggiato" e nei ventiquattro mesi successivi all'assunzione per ogni lavoratore "molto svantaggiato".

Per mantenere il diritto al bonus è necessario che i nuovi posti di lavoro non sono conservati per almeno due anni dalle piccole e medie imprese o tre anni dalle altre imprese.

Leggi anche gli incentivi all'assunzione introdotti dal Decreto Legge Monti.


, , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 commenti :

Posta un commento