Periodo di comporto malattia - Quello che dovete sapere [AGGIORNATO]

In caso di malattia o infortunio non sul lavoro, esiste un periodo di comporto durante il quale il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Ogni CCNL ha un suo periodo di comporto e uno specifico funzionamento in base anche alle regole del contratto nazionale e alla tipologia di lavoratori interessati.

Di seguito trovate, divisi per i contratti più conosciuti, i vari periodi di comporto malattia e infortunio per i lavoratori non in prova:
  • Contratto Commercio: 180 giorni in 1 anno solare, indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro
  • Contratto Metalmeccanici: i periodi di seguito si intendono per assenze verificatesi nei tre anni precedenti ogni nuovo ultimo episodio morboso: 6 mesi per anzianità di servizio fino a 3 anni compiuti (più altri 3 mesi in caso di assenza ininterrotta o interrotta da un'unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi), 9 mesi per anzianità di servizio oltre i 3 anni e fino ai 6 anni compiuti (più altri 4,5 mesi in caso di assenza ininterrotta o interrotta da un'unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi), 12 mesi per anzianità di servizio oltre i 6 anni (più altri 6 mesi in caso di assenza ininterrotta o interrotta da un'unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi)
  • Contratto  Metalmeccanici Artigiani Confsal: 6 mesi nell'ultimo biennio e 9 mesi nell'ultimo triennio
  • Contratto Metalmeccanici Artigiani: 9 mesi o 10 mesi nell'arco dei 24 mesi precedenti
  • Contratto Colf e Badanti: 45 giorni in 1 anno solare
  • Contratto della Scuola: 18 mesi per assenze per malattia verificatesi nel triennio precedente
  • Contratto Scuole Private (ANINSEI): 180 giorni in 1 anno solare
  • Contratto Metalmeccanici per Installazione impianti, orafi e odontotecnici: 6 mesi per anzianità fino ai 5 anni e 8 mesi per anzianità oltre i 5 anni
  • Contratto Trasporti e Logistica: 245 giorni in caso di anzianità inferiore ai 5 anni e 365 in caso di anzianità superiore ai 5 anni
Superato il periodo di comporto il datore di lavoro può procedere alla risoluzione del rapporto di lavoro.

Invece nel caso di malattie effettuate in maniera strategica (es. a ridosso di riposi o giorni festivi) che portino ad uno scarso rendimento lavorativo, anche senza il superamento del periodo di comporto, il datore di lavoro può procedere al licenziamento.

[Aggiornamento del 13/10/2014] Dopo la sentenza della Corte di Cassazione (n. 21106 del 24 settembre 2014) sono necessari alcuni chiarimenti relativi al licenziamento per superamento del periodo di comporto.
  • il calcolo dei giorni (es. 180 per il Commercio) deve essere effettuato sull'intero ammontare dei giorni di malattia, compresi quindi anche le festività, nel caso i certificati fossero a cavallo di giorni non lavorativi
  • il licenziamento può avvenire anche quando il periodo di comporto sia stato superato anche di un solo giorno. Il lavoratore per evitare di raggiungere il limite dei giorni consentiti di malattia può richiedere le ferie, ma è facoltà del datore di lavoro non concederle
  • se il lavoratore è in malattia, ma non ha ancora superato il periodo di comporto, può essere licenziato solo per giustificato motivo oggettivo

[Aggiornamento del 26/10/2015] Un'altra sentenza della Corte di Cassazione ha fatto chiarezza su cosa accade nel caso di riammissione in servizio dopo il superamento del comporto.

, , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

200 commenti :

  1. Buongiorno, per capirci, CCCNL commercio, il lavoratore può stare in malattia per 180 gg per ogni anno "civile" cioè il 2012, 2013 ecc, o per 180 gg nell'arco degli ultimi 365?

    RispondiElimina
  2. @anonimo 13 febbraio: non negli ultimi 365 giorni ma tra il 1 gennaio e il 31 dicembre di ogni anno.

    RispondiElimina
  3. il periodo di comporto è calcolato per anno solare e non di calendario. Pertanto si considerano 180 giorni negli ultimi 365. Se si vicini al 180esimo giorno di malattia si possono richiedere ulteriori 120 giorni non retribuiti. La raccomandata per usufruire degli ulteriori 120 giorni non retribuiti và inviata prima della scadenza del periodo di comporto (180 gg). Superato quest'ultimo termine il datore di lavoro può licenziare.

    RispondiElimina
  4. Salve, ho un dubbio, nel CCNL Commercio in vigore dal 01/07/12 al 30/06/15 il periodo di comporto per malattia è 120 giorni! Qual è quello corretto?

    RispondiElimina
  5. @anonimo 30 giugno: come leggi sopra sono 180 giorni.

    RispondiElimina
  6. Buonasera. Un chiarimento: da quando partono i 365 giorni? dalla data di assunzione? nello specifico, se sono stato assunto il 2 novembre il periodo parte da lì? grazie mille.

    RispondiElimina
  7. @anonimo 24 luglio: spiegati meglio, a cosa ti riferisci quando parli di 365 giorni?

    RispondiElimina
  8. Buongiorno .
    Ho un'importante domanda da porvi : fra due giorni scadono i 180 giorni di comporto secco per malattia ( ho avuto nell'aprile scorso un incidente con trauma cranico ed interventi al femore ed alla spalla ). L'azienda dove prestavo servizio da 13 anni non mi ha ancora inviato la raccomandata di licenziamento . Io non ho inviato nessuna comunicazione di aspettativa non retribuita perché appena ristabilito lavorerò nella ditta di mio cognato . Credo che la mia attuale azienda sia tenuta ad avvisarmi della risoluzione del contratto , oppure devo interessarmi io chiamandoli ??? Grazie da Filippo .

    RispondiElimina
  9. @filippo: devono risolvere loro il contratto, non devi fare nulla.

    RispondiElimina
  10. Grazie Arianna per l'immediata risposta . Quindi son tenuti a farlo per legge immagino .
    Volevo per ultimo chiederti : esistono quindi dei tempi prestabiliti per la comunicazione e la conseguente risoluzione o tale tempistica è a discrezione dell'azienda ??

    RispondiElimina
  11. @filippo: con il superamento del periodo di comporto scatta il licenziamento immediato, senza preavviso.

    RispondiElimina
  12. Desidero verificare cosa succede per i grafico editoriali? Dopo i 180 giorni se si è ancora in malattia scattano altri 180 al 50% dello stipendio: è corretto?
    Contratto a tempo indeterminato, azienda di meno di 15 dipendenti, anzianità 25 anni.
    Grazie

    RispondiElimina
  13. @anonimo 27 novembre: devi leggere il tuo ccnl, non l'abbiamo ora sotto mano.
    ogni contratto è differente.

    RispondiElimina
  14. per il ccnl metalmecanico artigiano il periodo di comporto se refirisce all'anno solare o ai gg del calendario(1/1-31/12)

    RispondiElimina
  15. @anonimo 12 gennaio: di calendario.

    RispondiElimina
  16. per due interventi sono stato in malattia continua dal 02/05/2012 al 10/12/2012.devo fare un altro intervento pero non so quando posso andare in malattia(sono un metalmecanico artigiano contr indeter).grazie mille

    RispondiElimina
  17. @anonimo 18 gennaio: rientri ancora nel periodo di comporto ma ti conviene sentire un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  18. Buongiorno a tutti:una curiosita',i nove mesi di periodo di malattia usufruibili(nell'esempio di oltre tre anni di anzianita'),equivalgono ad oltre 270 giorni reali (9x30)o a nove mesi di calendario da cui calcolare i giorni lavorativi(es.180)?Grazie...

    RispondiElimina
  19. @anonimo 27 gennaio: dipende dal ccnl.

    RispondiElimina
  20. ....chiedo scusa per i tempi biblici.....nel mio caso sarebbe il contratto metalmeccanico-nel quale sono assunto come impiegato/categoria protetta-'pero' nel CCNL non riesco a trovare risposte....

    RispondiElimina
  21. @anonimo 3 febbraio: sono 9 mesi di calendario. per sicurezza però senti un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  22. salve volevo porvi 2 domande sono in malattia da luglio scorso e a gennaio ho superato i 180 gg di malattia come previsto dal contratto commercio ,l'inps non dovrebbe pagare piu' se a oggi la mia ditta non mi ha ancora licenziato vorrei sapere che fare se non lo fa' e ancora chi dovrebbe pagarmi a questo punto grazie

    RispondiElimina
  23. salve, volevo sapere se ho superato i 180 gg di malattia essendo in malattia da luglio 2013 a oggi 3 febbraio e la mia ditta non mi ha ancora licenziato cosa mi conviene fare se loro non mi licenziano e ancora non pagando piu' l'inps mi dovrebbe pagare il datore di lavoro o no
    grazie

    RispondiElimina
  24. @anonimo 4 febbraio: nella tua situazione ti conviene rivolgerti subito ad un patronato.

    RispondiElimina
  25. Salve arianna avrei bisogno di una delucidazione: sono assunta a tempo indeterminato con contratto del commercio III° livello - Il 27 agosto del 2013 dopo aver finito la maternità obbligatoria sono entrata in malattia, per un problema, fino al 31 gennaio 2014. Dal 03 febbraio ho ripreso a lavorare regolarmente, ma dato che il problema non sembra essere risolto del tutto, avrei bisogno di sapere se ho diritto ad altro periodo di malattia? quanto? devo fare un minimo di giorni lavorativi per riavere i 180 giorni dell'anno 2014, sempre tenendo presento che i 31 giorni di gennaio ero in malattia?

    RispondiElimina
  26. @anonimo 13 febbraio: puoi conservare il posto fino a 180 giorni di malattia l'anno.

    RispondiElimina
  27. Lyra: sono assunta con CCNL Metalmeccanico 5liv da Giugno 2012, e sono in malattia dal 17/10/2013, sono coperta da comporto? l'azienda sostiene che io abbia già raggiunto al 21/03 i 183gg e mi ha mandato lettera di licenziamento. Grazie

    RispondiElimina
  28. @anonimo 9 aprile quanto fatto dalla tua azienda non è corretto. Rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  29. Barbara: sono assunta - impiegata CCNL commercio terziario 5 liv. dal 1 febbraio 2011. Dal 1 gennaio 2013 assunta a tempo indeterminato.
    Avrei 2 domande:
    1) Il periodo di comporto per malattia è 180 giorni per tutti i lavoratori del CCNL commercio o il comporto dipende dall'anzianità di servizio?
    2) Da Gennaio 2014 ad oggi ho avuto più episodi di malattia non continuativi. Ora sono in malattia x vari accertamenti fino al 2 maggio. Quindi da gennaio 2014 al 2 maggio sarebbero 55 gg. di malattia. Mi è stato detto che per sapere con esattezza quando scadono i 180 gg del comporto devo andare a ritroso e sommare questi 55 gg. giorni di malattia ai singoli gg di malattia non continuativi fatti fino al 3 maggio 2013(comporto x sommatoria)
    Ho capito bene?
    Grazie. Barbara

    giovedì, aprile 10, 2014

    RispondiElimina
  30. @barbara: hai 180 giorni di malattia per la conservazione del posto di lavoro. Devi sommare tutte le malattie fatte in un anno.

    RispondiElimina
  31. Sommare tutte le malattie fatte in un anno significa che devo andare a ritroso e sommare ai giorni di malattia del 2014 (x patologie diverse fra loro) anche i giorni dell'anno precedente fino al 2 maggio 2013 anche se le patologie sono state tutte diverse fra loro?

    Grazie
    Barbara

    RispondiElimina
  32. @anonimo 11 aprile: si, non contano le patologie ma i giorni di malattia.

    RispondiElimina
  33. Buongiorno, volevo avere delle delucidazioni in merito al contratto di apprendistato, la maternità viene riconosciuta?
    grazie

    RispondiElimina
  34. Se CCNL COMMERCIO prevede 180 giorni di malattia in un anno solare, se il mio 1°giorno di malattia non continuativa risale al 28 gennaio 2014 e se dal 28 gennaio ad oggi ho fatto 149 giorni di malattia, ho calcolato in modo corretto o DEVO CONTARE I GIORNI DI MALATTIA A RITROSO? Mio datore di lavoro in data 22 agosto 2014 mi ha inviato licenziamento x superato comporto, CONTANDO A RITROSO i giorni di malattia dal 22 agosto 2014 al 22 agosto 2013. A me risulta che ad oggi non ho ancora superato i 180 giorni di malattia. Chi ha ragione? In che modo si calcolano i giorni di comporto, dal 1° giorno di malattia IN AVANTI nei successivi 365 giorni dell'anno o A RITROSO?

    Grazie. Barbara

    RispondiElimina
  35. @ barbara: rivolgiti subito ad un sindacato, a mio avviso non è corretto quanto fatto dal tuo datore di lavoro. Il commercio parla di anno solare non di calendario.

    RispondiElimina
  36. Sieti sicuri che l'anno solare nel ccnl commercio va dal 1 gennaio al 31 dicembre? A me il sindacato ha detto che quello è l'anno di calendario e che i 180 giorni di malattia in un anno solare vanno contati a partire dal primo evento morboso, nell'arco dei 365 giorni successivi. Da quando a quando va l'anno solare x il conteggio della malattia?

    Grazie
    Valentina

    RispondiElimina
  37. @valentina: si considera l'anno solare.

    RispondiElimina
  38. avrei da porre una domanda, se mi ammalo e la malattia prosegue durante un periodo di ferie preventivato tra me e l'azienda mi vengono pagate sia la malattia che le ferie?ho un contratto di apprendistato nel settore commercio, grazie.

    RispondiElimina
  39. @anonimo 14 ottobre: ti viene pagata solo la malattia.

    RispondiElimina
  40. Buongiorno, mio papà stava per terminare i 180giorni di malattia il 22 settembre e chiedendo all'azienda l'hanno messo in ferie per 54 giorni quindi non ha usufruito di 22 giorni di malattia, vanno persi?
    2) finite le ferie può richiedere altri 180 giorni?( come se fosse tornato a lavoro o le ferie non vengono calcolate come giorni lavorativi?

    RispondiElimina
  41. @monica: può usufruire dei 22 giorni dopo le ferie, dopo i quali può venire licenziato.

    RispondiElimina
  42. buonasera a tutti...
    leggo i commenti sul argomento e spero di trovare una risposta con il vs. aiuto:
    il 01/11/2014 scadono 180 gg di malattia;l'azienda mi ha comunicato con una raccomandata il rinvio delle ferie( già la 2 volta!!)programmate sempre da loro dal 03/11/2014 senza specificare l'ulteriore data utile.Io speravo che posso usufruire delle ferie in attesa di licenziamento per il superamento del periodo di comporto; il 19 giugno ho interrotto le ferie per malattia che da quel gg continua ad oggi.
    Sono rimaste da fare 2gg da giugno più 5gg da agosto indicate sempre dall'azienda e altre 6gg a novembre indicate sempre da loro!!
    Leggendo i testi sul blog: "le ferie possono essere frazionate in non più di due periodi cosi come, in base delle esigenze dell'azienda il datore di lavoro è in facoltà di stabilire il periodo delle ferie dal maggio all'ottobre, ma sempre tenuto conto delle esigenze del lavoratore".
    come devo fare?? Io aspetto il licenziamento da parte loro essendo in una situazione di mobbing da 4 anni conclusa con depressione maggiore!
    se il 3 non mi presento al lavoro( in frattempo durante la malattia hanno predisposto anche il mio trasferimento a Milano...io vivo a Roma!) possono licenziarmi per un altro motivo che il superamento periodo di comporto?? tipo disciplinare per la giusta causa??
    cosi forse vogliono che perdo anche il mio diritto all'ASPI??
    Sono veramente disperata...
    grazie mille

    RispondiElimina
  43. @cristina: rivolgiti subito ad un sindacato.

    RispondiElimina
  44. Salve io sono in malattia da 28 gg x un problema alla schiena, ma avrei bisogno ancora di qualche giorno x finire le terapie. Come viene conteggiata questa mia assenza dal lavoro? Io sono operaia metalmeccanica. Grazie

    RispondiElimina
  45. @anonimo 13 febbraio: dipende da come giustificherai la tua assenza.

    RispondiElimina
  46. Salve, avrei bisogno di delucidazioni, si deve contare l'anno solare o da calendario...Se sono in malattia dal 3 Novembre 2014 al 3 Maggio 2015, sono ben 180 giorni di malattia, è corretto? E mi potranno licenziarmi dopo 180 giorni di malattia?

    Grazie
    C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti ammali a luglio puoi restare in malattia fino a giugno dell'anno successivo, sono 180 gg ogni anno.

      Elimina
  47. @c: tecnicamente si considera l'anno solare. Ti consiglio però di sentire un sindacato.

    RispondiElimina
  48. Scusate il CCNL dice: 12 mesi per anzianità di servizio oltre i 6 anni (più altri 6 mesi in caso di assenza ininterrotta o interrotta da un'unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi)...ma non ho ben capito....io negli ultimi tre anni sono stata in malattia 265 gg. di cui pero' 177gg continuativi x rottura del ginocchio.....cio' vuol dire che nei tre anni io ho diritto a 18 mesi di malattia?
    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
  49. @anonimo 12 marzo: hai diritto a 18 mesi nel caso di assenza ininterrotta o interrotta per non più di due mesi.

    RispondiElimina
  50. Salve, sono in malattia dal 19 Dicembre 2014. Mi sono messa in malattia per una lombosciatalgia, ma durante questo periodo ho avuto un infortunio e sono stata costretta a prolungarla con la nuova patologia. Oggi, 8 Aprile 2015 sono ancora in malattia. Ti chiedo: i 180 giorni devo considerarli dal 19 Dicembre 2014 o dal 1 Gennaio 2015? Di quanti giorni ancora posso usufruire? Grazie.

    RispondiElimina
  51. @Anonimo 8 aprile: la malattia parte dal 19 dicembre, quindi i 180 giorni si esauriscono il 19 giugno.

    RispondiElimina
  52. Salve, ho un contratto part-time 2 volte la settimana, come si calcolavo i 180 giorni del comporto.

    RispondiElimina
  53. @anonimo 17 aprile: sono 180 giorni di calendario.

    RispondiElimina
  54. Buongiorno a tutti, trovo questo blog davvero utile ed interessante. Vi sottopongo il mio caso: contratto commercio tempo inderenminato grave depressione da mobbing. Sono ancora in cura ed in attesa della certificazione di danno dalla ASL. Però sta terminando il mio periodo di comporto 180gg e non ce la faccio a rientrare. Posso chiedere prima le ferie(residui 20gg) per malattia e poi la aspettativa non retribuita 120gg? basta inviare per le ferie una AR posso indicare che i certificati medici saranno forniti all'occorrenza su richiesta o devo allegarli alla AR? quanti giorni prima della scadenza del comporto possso inviare la richiesta di ferie? Grazie a tutti dell'attenzione!

    RispondiElimina
  55. @deb rah: la tua situazion eè molto delicata. Ti consiglio di rivolgerti subito ad un sindacato che ti assista. Sia per le ferie che per l'aspettativa devi avere l'approvazione del tuo datore di lavoro.

    RispondiElimina
  56. Grazie Arianna della rapida risposta, sono iscritta al sindacato e li ho sentiti proprio stamane telefonicamente loro dicono che dovrei inviare la raccomanadata almeno 15gg senza certificati medici...ma la cosa mi lasciava un pò perplessa anche se per privacy forse è opportuno fare così. Considerà che nel frattempo ho anche effettuato le pubblicazioni di matrimonio che dovrebbero rendere nullo un eventuale licenziamento

    RispondiElimina
  57. Buonasera,
    Mi chiamo Samuele. Sono un metalmeccanico assunto come invalido regolarmente iscritto alle liste protette. A Dicembre 2014 sono stato operato alla colonna vertebrale ma l'operazione é stata sbagliata e hanno dovuta ripeterla a Marzo 2015 a causa dell'errore ho una gamba che non é piu come prima devo fare degli esami per accertare l'entita dei danni e stabilire una cura se é prevista. L'azienda mi ha ufficiosamente comunicato la loro intenzione di licenziarmi per fine del periodo del comporto. Ho fatto richiesta di ferie per darmi il tempo necessario per fare gli accertamenti previsti ma il datore di lavoro ha rifiutato. Il dottore non mi da l'abilitazione al lavoro finché la gamba non é in grado di lavorare e il 23 Luglio mi scade il periodo di comporto. Ho letto sopra che l'azienda dal giorno dopo e senza il preavviso di 30 giorni mi licenzia. Ho capito bene? Potrebbero licenziarmi per motivi diversi dalla fine del periodo di comporto? Visto che ho il certificato medico fino al 31 Luglio potrebbero per esempio licenziarmi per assenza ingiustificata? Aggiungo che il medico del lavoro al quale ho già parlato e conosce tutta la documentazione medica non mi ha dato l'idoneità fisica al lavoro.
    Cordiali Saluti.

    RispondiElimina
  58. @Samuele: se non coperto da certificato medico allora possono licenziarti. Comunque possono farlo anche per superamento del periodo di comporto. Ti consiglio di sentire un consulente del lavoro per capire se puoi appellarti al tuo stato di iscritto alle liste protette per allungare il comporto.

    RispondiElimina
  59. Buongiorno Arianna e grazie della velocità di risposta.
    Mi sono già rivolto ad un consulente del lavoro e mi ha detto che non c'e nulla che io possa fare. Il 24 Luglio possono licenziarmi per fine del periodo di comporto. Volevo però sincerarmi di fare le cose correttamente in modo che la ditta (che ha già dimostrato di essere irragionevole) non possa appigliarsi a nulla. Potrebbero licenziarmi per motivi diversi nonostante io abbia il certificato medico?
    Scusate le domande forse banali ma é la prima volta che mi trovo in una situazione fisica e lavorativa simile.
    Grazie.

    RispondiElimina
  60. @samuele: no, in questo caso non ci sono dubbi, sei coperto con il certificato ma purtroppo finisci il periodo di comporto.

    RispondiElimina
  61. Buongiorno,
    scusate ma la mia storia sa dell'incredibile,
    Sono in malattia da 7 mesi quasi (con comporto scaduto) dopo 2 anni di mobbing feroce, (sottolineo non sommerso, ma feroce e dichiarato con urla e MAIL ingiuriose tipo = ti r...o il c...lo), L'azienda in questi 6 mesi me ne ha combinate di ogni:
    - Non mi ha pagato 2 mesi, ho dovuto far intervenire il legale, hanno pagato Marzo a Giugno e dopo un mese HANNO cominciato a NON PAGARMI.
    - Mi mandato il MEDICO FISCALE: ininterrottamente e SOLO SABATO E DOMENICA POMERIGGIO DA ORMAI 2 MESI
    - Mi mandano Lettere di Richiamo INVENTATE,
    - NON MI COMUNICANO le Bakeke aziendali,
    In pratica mi stanno FACENDO MOBBING ANCHE IN MALATTIA...
    Ho provato ad andare dai sindacati (la mia città è Bologna), e non mi è servito a niente,
    per cui non mi sento tutelato...
    e la mia malattia (depressione maggiore), sta crescendo.
    Per favore help me...sono un padre di famiglia...

    RispondiElimina
  62. @anonimo 17 luglio: purtroppo più di cosagli arti di andare da un buon legarl del lavoro non possiamo. Ci spiace comunque per la tua situazione.

    RispondiElimina
  63. Buon giorno io ho fatto 7 mesi di malattia e vorrei sapere se il 7 mese mi deve essere pagato . grazie

    RispondiElimina
  64. @anonimo 19 luglio: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  65. Buongiorno,
    ho avuto un incidente stradale con la moto ho un contratto ccnl metalmeccanico con contratto dal 3/11/2014 trasformato in indeterminato il 01/02/2015 sono in malattia dal 2 luglio. Anche io ho diritto solo ad 180gg? Potrebbero lincenziarmi nonostante io avro una lunga convalescenza? Se la malattia è iniziata il 3/7 quando termina?

    RispondiElimina
  66. Buongiorno,qual'è il sindacato migliore a cui far riferimento per i contratti metalmeccanici?

    RispondiElimina
  67. domanda se faccio 3 mesi di malattia con un' azienda si azzera il conteggio se ad esempio ad aprile passo in un altra sempre del settore commercio?

    RispondiElimina
  68. @maria: hai diritto ai 180 giorni certo, per un sindacato senti la Cgil.

    RispondiElimina
  69. @anonimo 31 luglio: se cambi azienda si azzerano i giorni di comporto.

    RispondiElimina
  70. Buongiorno,
    lavoro come cameriera ai piani in un residence ( contratto turismo ) e sto per ultimare i giorni di comporto a causa di un problema alla gamba. L'azienda, sollecitata più volte per un cambio mansione, non risponde alle mie richieste.
    Rendo noto che l'azienda stessa mi ha mandato dal medico del lavoro per sottopormi a vista medica dalla quale, tramite verbale medico, si evince che sono idonea alla mansione ma con limitazioni ( impossibilità nell'accovacciamento - Assoluto divieto di scale amovibili - divieto di trasportare e/o spostare pesi con gli arti superiori per non gravare ulteriormente sul ginocchio sx, parte lesa ). Oggi mi è stato riferito che se rientro sul posto di lavoro, anche per un solo giorno, il comporto della malattia si azzera e riparte ex novo. Vorrei capire se è vero oppure no. Inoltre, se al mio rientro dovesse accadermi un infortunio a causa della mia problematica, la responsabilità ricadrebbe sull'azienda, dato che sono perfettamente a conoscenza della mia situazione?

    Grazie per le risposte che vorrete darmi

    Cordiali Saluti

    Paola Buccoliero

    RispondiElimina
  71. @paola: se ha un certificato che dichiara quanto scritto non puoi fare il lavoro di cameriera. È responsabilità della'azienda nel caso di problematiche. Per quanto riguarda il comporto, il calcolo è sull'anno di calendario, quindi non si azzera.

    RispondiElimina
  72. La ringrazio per la risposta. Nel mio caso, se dovesse accadermi un infortunio, i giorni di infortunio fanno cumulo con quelli di malattia? Glielo chiedo perchè da più parti mi hanno detto di no e vorrei una Sua risposta se possibile. Grazie ancora

    RispondiElimina
  73. @paola: l'infortunio non cumula con la malattia.

    RispondiElimina
  74. Buongiorno, sono stato assunto a tempo determinato (ccnl terziario e servizi) il 4 maggio 2015. Ho già fatto 15 giorni di malattia e venerdì il medito mi ha fatto il certificato per un altro mese di malattia. Essendo stato assunto da così poco tempo, a quanti giorni ammonta il mio periodo di comporto? sono molto preoccupato. grazie per la risposta.

    RispondiElimina
  75. @anonimo 8 agosto: il periodo di comporto è lo stesso per tutti.

    RispondiElimina
  76. Centra nel momento in cui mi e stato detto esplicitamente che al termine della malattia sarò licenziata! In qst caso nasce la mia curiosità di conoscere e capire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 15 settembre: hai comunque diritto alla disoccupazione.

      Elimina
  77. Buongiorno,
    ritorno da voi in quanto sono in una situazione allucinante. In data 12 Agosto sono rientrata in servizio ( lavoro come cameriera ai piani in un residence della provincia di Milano - Assunta a tempo indeterminato con CCNL turismo Federalberghi ), dopo quasi 160 gg di malattia a causa di un problema al ginocchio sx. Lo stesso giorno del rientro sono rimasta vittima di un infortunio, occorsomi durante lo svolgimento dell'attività lavorativa. Sono scivolata su una chiazza d'acqua presente nel bagno di una camera che dovevo ultimare, scivolando rovinosamente e battendo con violenza la parte destra del corpo. Veniva chiamata l'ambulanza che mi trasportava presso l'ospedale più vicino, dove venivo sottoposta ad indagini radiologiche ( Rx spalla destra, rx anca e bacino ) e TAC anca DX. Ovviamente anche il ginocchio sx risentiva nuovamente della caduta. Il medico dell'ospedale mi ha praticato un bendaggio con supporto alla spalla dx e mi ha dato 7 gg di prognosi. Ovviamente inviavo tutta la documentazione all'azienda in tempo reale per poter permettere l'apertura della pratica. Alla scadenza della data dell'infortunio, mi sono recata dal medico di base il quale, dopo una valutazione delle mie condizioni, riteneva opportuno prolungare di ulteriori 30 gg l'infortunio per permettermi altre visite a cui sono stata regolarmente sottoposta ( eco spalla dx ed rmn ginocchio sx). Ieri mattina, a mezzo PEC, mi sono trovata la lettera dell'azienda dove mi annunciava l'inizio della pratica per la risoluzione del rapporto di lavoro per superamento del periodo di comporto. La scorsa volta Lei mi aveva detto che infortunio e malattia non si sommano quindi, ora, come devo comportarmi? Come devo agire per salvaguardare i miei diritti di lavoratrice, soprattutto tenendo conto del fatto che l'infortunio è avvenuto durante il normale orario di lavoro e durante lo svolgimento della mia normale attività? Attendo una Sua cortese risposta in merito. Grazie e cordiali saluti. Paola Buccoliero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @paola: rivolgiti subito ad un sindacato.

      Elimina
  78. Ciao Arianna, durante il periodo di malattia il lavoratore matura solo ferie o anche i ROL ? Contratto Metalmeccanico

    RispondiElimina
  79. @aanonimo 14 ottobre: maturi tutto.

    RispondiElimina
  80. contratto di lavoro part time indeterminato alimentari artigiani. Ho avuto un infortunio sul lavoro e sono sotto inail. Valgono sempre i 180 gg e poi si può essere licenziati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 20 ottobre: trovi le indicazioni qui http://contrattolavoro.blogspot.it/2012/12/periodo-di-comporto-malattia-quello-che.html

      Elimina
  81. Salve. Visto che la settimana prossima faccio 6 mesi di malattia, volevo chiedervi qualche consiglio: l'anno scorso mi hanno trovato un tumore e quindi ho dovuto mancare dal lavoro per dei esami e della cure salvavita (chemio e radio terapia). Ho detto al datore di lavoro che ho mal di schiena e che devo fare delle terapie, quindi sono andato avanti cosi,senza dirgli tutta la storia, ma ho sempre portato i certificati di ricovero. Dal 28 aprile però sono andato in ospedale per l'intervento e poi sono uscito solo per cambiare la struttura. In tutto questo tempo ho subito 5 interventi e ho fatto la richiesta per invalidità- approvata (invalido con totale e permanente inabilità lavorativa , con revisione fra un anno)
    nel primo e secondo intervento oltre ai nervi sacrificati per esportazione della malattia, ho perso la funzionalità quasi al 100% della gamba sx.
    La prima domanda sarebbe: posso fare qualche domanda per aggravamento della mia invalidità? Mi danno solo una pensione di inabilità, ma visto la situazione io avrei bisogno di un accompagnamento...
    Poi, visto che sono ancora ricoverato, e che devo fare ancora delle terapie oncologiche, più la riabilitazione per la gamba sx , non posso per niente tornare a lavoro per la prossima settimana 😄 quindi pensavo di fare la domanda per quei 120 gg non retribuiti, solo che non so a chi viene fatta: a l'inps o al datore di lavoro?
    O volevo chiedere a voi cosa posso fare a questo punto? Visto che devo fare ancora delle cure salvavita magari c'è qualche legge o qualcosa che potrebbe aiutarmi?!
    Il datore di lavoro è al corrente con tutto quello che è successo, ma non ancora con quello che dovrebbe ancora succedere, cioè io che non posso andare a lavoro per altri almeno 2 mesi...
    Ho un contratto di apprendistato nel commercio , che scade in 2017.
    Grazie in anticipo per il vostro aiuto...

    RispondiElimina
  82. @dann dann: devi rivolgerti ad un patronato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...
      La domanda dei 120 non retribuiti va fatta al datore di lavoro, e puoi farla anche solo per 60 gg, o addirittura 30. Tanto loro per questi giorni fanno un specie di sospensione del contratto,quindi...
      I giorni di malattia che gli prendi per le cure salvavita non si contano con gli altri 180 o 120, e non c'è qualcos'altro che può darti qualche diritto a stare di più in malattia.

      Elimina
  83. salve,sono in infortunio ad itinere dall'8 maggio 2015 per un incidente accorso durante il tragitto casa lavoro.dato che fio al 30 di novembre 2015 sono ancora in temporanea presso inail,e possibile che mi possano licenziare dato che ho superato i 180 giorni di assenza dal lavoro?da premettere che sono assenza x infortunio e non capisco se c'entrano con il conteggio del periodo di comporto della malattia,grazie

    RispondiElimina
  84. @elvis: ti consiglio di rivolgerti ad un patronato che ti segua in questa fase.

    RispondiElimina
  85. Buongiorno. Sono assunto a tempo indeterminato con ccnl terziario. Giovedi scorso sono scaduti i 180 giorni ma l'azienda non mi ha mandato alcuna comunicazione. Devo continuare a mandare certificati medici? Perché non mi licenziano?

    RispondiElimina
  86. @anonimo 22 novembre: contatta l'azienda.

    RispondiElimina
  87. Scusi Arianna se la disturbo nuovamente, venerdì 04 ottobre 2013 ha risposto ad un utente che poneva la stessa domanda trovandosi in una situazione simile alla mia in queso modo: @filippo: devono risolvere loro il contratto, non devi fare nulla.
    Io non vorrei contattare l'azienda se ci fossero altre vie..

    RispondiElimina
  88. @anonimo 30 novembre: è vero che si devono muovere loro, ma se vuoi sapere cosa intendono fare devi chiamarli. Puoi rivolgerti ad un sindacato che ti tuteli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per la consulenza e per la pazienza. Buon lavoro

      Elimina
  89. sono andata in malattia il 16 luglio 2015 ed ho il contratto dal 2 luglio indeterminato,i miei 180 giorni scadono a gennaio,come devo fare per contare l anno solare? mi spiegate come devo calcolarli? visto che si accavalla la fine di questo anno del 2015 con la scadenza dei 180 giorni che si verifica il 16 gennaio 2016, devo contarli dal momento del contratto( quindi dal 2luglio2015 al 2luglio2016) o a dicembre scade comunque?

    RispondiElimina
  90. @anonimo 1 dicembre: ma sei ancora nel periodo di prova?

    RispondiElimina
  91. no. il periodo di prova era per il primo mese, perciò finiva il 2 agosto, purtroppo sono ancora in malattia e prevedo che sarà ancora lunga. volevo sapere se finito il periodo di comporto devo rientrare o c'è una possibilità di continuare con la malattia e quali sono i miei diritti se devo rientrare necessariamente, visto che il datore di lavoro già mi ha prospettato il licenziamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 5 dicembre: no, superato il periodo di comporto devi tornare al lavoro altrimenti ti licenziano.

      Elimina
  92. Sono un lavoratore metalmeccanico con più di 6 anni di lavoro. Sono in malattia ininterrotta dal 28 agosto fino al 18 dicembre 2015 avendo subito un intervento. I miei giorni fruibili di malattia nell'anno in corso sono ancora 9, avendo fatto altri 2 mesi circa da gennaio a marzo. Non stando ancora bene, come posso chiudere l'anno visto che continuando la malattia la somma dei giorni mi porterebbe al 27 dicembre 2015 rimanendo scoperti 4 giorni. Saluto e ringrazio

    RispondiElimina
  93. @anonimo 10 dicembre: per questo non possiamo aiutarti, ti conviene sentire un sindacato di categoria.

    RispondiElimina
  94. Buongiorno ho trovato questo blog molto ben informato e vi sottopongono il mio caso. Assunta CCNL part-time 24ore settimanali tempo indeterminato da 3anni.il 16luglio 2015 SN entrata in malattia x diversi problemi sono rientrata a lavoro il 6ottobre ma il 19novembre ho avuto una ricaduta,nel mio caso come funziona il calcolo della malattia? Come funzionano i 180gg?si contano feste e domeniche? Potete darmi delle info x favore.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 18 dicembre: si, nel conteggio del periodo di comporto si calcolano tutti i giorni (lavoratiti, non lavorativi, festivi).

      Elimina
  95. Salve una curiosità, contratto del commercio, periodo di comporto non superato nell' anno solare, diciamo usufruiti 170 gg di malattia dal 1 Gennaio al 31 Dicembre; nel successivo anno potrò usufruire di altri 180 giorni di malattia? Grazie e buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 5 gennaio: si, ma sentì un consulente del lavoro per sicurezza.

      Elimina
  96. Buonasera, se dopo il periodo di comporto (180 giorni nell'anno solare) vengo licenziata...ho diritto comunque alla disoccupazione? Grazie

    RispondiElimina
  97. Buongiorno,una domanda..io sono stata assunta a novembre 2013 con il contratto di apprendistato relativo al settore terziario...mi chiedevo, dato che è dal 31 agosto 2015 che sono in malattia continuativa purtroppo per un evento morboso, e,calcolando che il 28 di questo mese raggiungerò i 180 giorni previsti nel periodo di comporto, avrei una domanda,il conteggio è comunque valido anche avendo scavallato l anno, oppure dal 1 gennaio si riazzerano i giorni? Vi ringrazio.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. @alessia90: il conteggio è valido perché è un periodo continuativo.

      Elimina
  98. La ringrazio..pertanto se allo scadere di questi 180 gg rientro a lavoro bene..altrimenti facendo un altro certificato di malattia mi potrebbero licenziare e in quel caso non mi spetterebbe nemmeno la disoccupazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @alessia90: ti conviene rivolgerti ad un sindacato prima di fare qualunque cosa.

      Elimina
  99. Con un contratto apprendistato periodo determinato, dopo circa un anno con 180 gg di malattia inclusi, hanno deciso di licenziarmi , quindi mi hanno mandato la lettera con 20 gg preavviso. Cosa dovrei fare per la disoccupazione? C'entra qualcosa se ho anche la invalidità?

    RispondiElimina
  100. Buongiorno il blog e' molto interessante,lavoro nel settore commercio da 13 anni nella stessa azienda e sono in malattia dal 14 settembre 2015.Volevo domandarvi questo:
    il mio periodo di comporto scadrebbe il 14 marzo 2016?
    Posso chiedere un periodo di aspettativa,se si l'azienda puo' negarmelo?

    vi ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @luca tison: puoi richiederla ma può esserti negata.

      Elimina
  101. Salve, una domanda:ad un periodo di ferie interrotto da un week end di non lavoro per la struttura, si può non rientrare il lunedì per malattia o possono esserci problemi? Grazie!

    RispondiElimina
  102. Grazie, ora sono più serena! Mi era balenato di essere in difetto rispetto alle vigenti normative in materia e temevo ritorsioni dall'azienda.

    RispondiElimina
  103. Salve, io sono in malattia dal 10/02/2015 per problemi alla schiena,sono rientrato per una settimana dal 05
    al 12/07/2015 e poi ho avuto nuovamente problemi e mi sono rimesso in malattia ,poi l'ho interrotta dal 1 al 31/08/2015 per utilizzare le ferie e poi ininterrotamente in malattia fino ad oggi 11/02/2016 in quanto sono stato operato alla schiena.Da gennaio 2016 ripartono i 180 giorni oppure ho terminato il periodo di comporto? sono un dipendente artigiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @fabrizio: no, per gli artigiani non ripartono i giorni all'anno solare. ti conviene sentire un caf per chiarimenti, potresti essere vicino all'esaurimento del comporto.

      Elimina
  104. Buongiorno mia moglie è affetta da calcinoma e ha esurito i 365 giorni in tre anni che sono previsti dal nostro contratto però ancora non sta bene l'azienda non la ha licenziata ma ha fatto in maniera con le ferie e l'aspettativa dato che il certificato la copriva per altri 20 giorni di farla stare a casa fino alla fine del certificato il problema è che lei non sta bene e quindi necessiterebbe di altri gioni come funziona in questo caso faccio presente che sta regolarmente lavoramdo da circa un mese quando ripartono i contatori?

    RispondiElimina
  105. @magh: rivolgiti subito ad un patronato.

    RispondiElimina
  106. Buongiorno Avrei bisogno di porle una domanda
    Sono assunta con CCNL metalmeccanico a tempo indeterminato da 4 anni e 4 mesi
    Nel corso di tale periodo ho usufruito dei seguenti giorni di malattia
    Settembre 2012 in malattia per 10 giorni a causa di un incidente stradale con conseguente colpo di frusta
    Sono tornata a lavoro e non ho più fatto nessun giorno di malattia.
    Successivamente sono stata in malattia
    Dal 17/01/15 al 17/2/15 per un intervento di colecistectomia in laparoscopia che prevedeva 7 giorni di ricovero ospedaliero e gli altri di decenza
    Infine ultimo episodio di malattia oggi 17/2 per una tracheite acuta e la dottoressa ritiene sia necessaria una malattia di 7 giorni
    Vorrei sapere come conteggiare i giorni di malattia ?
    Inoltre il mio datore di lavoro può considerare un licenziamento per giustificato motivo ?
    Permetto che io difficilmente ho usufruito sia delle ferie che dei Rol (orario di lavoro retribuito )nel senso che Cerco di assentarmi molto difficilmente.
    Infine è successo in due episodi differenti sua a novembre 2015 che a dicembre 2015 di aver lasciato il posto di lavoro prima perché non stavo bene,di essermi assentata il giorno successivo comunicandolo ma di non aver presentato certificato medico bensì aver trasformato l assenza di un solo giorno in ferie
    E all epoca mi fu intimato che non era possibile chiedere le ferie se il giorno prima avevo lasciato il posto di lavoro anticipatamente perché ammalata
    Questo può rappresentare un giustificato motivo di licenziamento?

    RispondiElimina
  107. @anonimo 17 febbraio: a mio avviso no.

    RispondiElimina
  108. @ anonimo.ho iniziato la malattia il 20.07.2016 ad oggi sono i malattia sino a marzo...la malattia l'ho interrotta un mese x aspettativa maternità a settembre. Mi è arrivata lettera licenziamento x superamento dei quota.....Com'è possibile se inps mi aveva assicurato ke da gennaio il conteggio dei giorni ripartirà?a me non risultano i giorni xké la malattia è stata interrotta da maternità facoltativa un mese!..grazie a chi mi aiuterà a capire maglio.

    RispondiElimina
  109. Buongiorno,
    Sono in difficoltà, espleto servizio come guardia giurata, da ben 39 anni nella stessa società, il 12settembre del 2014 ho subito una lesione al braccio che mi ha causato un infortunio di 60 giorni sino al 15 novembre 2014.Totale 60 giorni.
    Il 21 gennaio 2015 sono stato ricoverato di urgenza per intervento ernia inguinale in malattia fino al 13 febbraio 2015.Totale 24 giorni di malattia.
    Il 20 ottobre 2015 ho subito un infortunio sanguinamento con lesione gamba destra sino al 17 gennaio 2016.
    L'infortunio mi ha chiuso la pratica con lesione ancora aperta dicendo che ero guarito.
    Comunicavo loro che ancora zoppicando.
    Rientrato in servizio per 10 giorni rendendomi la gamba gonfia quando ho rifatto un ecografia ove sie vinceva una lesione aperta di 1,2 cm.
    Quindi ho dovuto riaprire l'infortunio dal 1 febbraio 2016 al 01 marzo 2016 co ulteriore terapie tutte a pagamento, a tutto oggi ho speso più di 800 euro.
    Desidero gentilmente dei chiaramente sul comporto,
    Non so come vengono calcolati i giorni del ccomporto, avanzo ad oggi ancora 160 giorni di ferie non godere per motivi di servizio, ho sempre espletato oltre 11 ore di servizio giornaliero.
    Desidero sapere se posso essere licenziato?
    Se è possibile capire come funziona questo comporto.
    Aiutatemi.
    Grazie.
    Cordiali saluti.

    Giuseppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @giuseppe: devi rivolgerti ad un sindacato di categoria.

      Elimina
  110. Salve, sono un impiegato settore terziario con CCNL confcommercio. Causa patologie oncologiche e relativi disguidi sono stato in mutua per già 152 gg e quindi rimanenti 28 gg. Ho capito che il calcolo per il periodo di comporto per assenze malattia va fatto a ritroso considerando un limite massimo di 180 GIORNI PER ANNO SOLARE. Tuttavia si deve considerare come riferimento di inizio il primo evento morboso di malattia ? Cioè, quando si azzera il conteggio così per i successivi anni si possa eventualmente usufruire di ulteriori 180 gg? Grazie molte per l'aiuto che date. M

    RispondiElimina
  111. Per cortesia mi servirebbe una chiarificazione: Il 5 ottobre 2015 ho subito un incidente stradale,ho avuto diverse fratture agli arti inferiori e superiori,tuttora sono a casa in convalescenza,volevo sapere se superati i 180 giorni di malattia nell'anno solare,l'INPS mi riconosce ancora la malattia, causa un infortunio stradale con plurifratture.

    RispondiElimina
  112. Salve avrei bisogno di un chiarimento, nel mese di aprile 2015 ho fatto 8 giorni di malattia poi dal 19 dicembre 2015 sono in malattia in attesa di intervento per ernia discale. i 180 giorni li devo calcolare da dicembre 2015? dipendente con contratto commercio turismo grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @antonio: no li devi calcolare da aprile.

      Elimina
    2. Mi scusi Quindi i 180 giorni vanno da aprile 2015 ad aprile 2016 giusto? Dovendo subire un intervento alla colonna vertebrale con una convalescenza lunga,se lo faccio a maggio posso usufruire ancora di 180 giorni? Grazie

      Elimina
    3. Si, 180 giorni dal primo evento. Senti comunque un consulente del lavoro vista la delicatezza del tema.

      Elimina
  113. Buon giorno, sono stato in malattia dal 16/11/2015 al 18/03/2016 a causa di una frattura al piede avvenuta accidentalmente in casa.A metà dell'ultima settimana di malattia mi sono ammalato e sono stato visitato a domicilio dal mio medico che non mi ha dato i giorni perchè ero ancora coperto. Lunedì 21 mi sono recato dal dottore e mi ha dato i giorni per una nuova malattia dal 21 al 25 marzo. Oggi sono rientrato al lavoro e il mio datore in persona mi ha detto di fare una settimana di ferie perchè per rientrare devo fare una visita di controllo fissata da loro. E' lecita una cosa del genere?Dovevano avvisarmi in anticipo?Questa visita devono fissarmela in questa settimana?E se me la fissano in un'altra settimana hanno il diritto di farmi fare ancora ferie forzate?Grazie in anticipo per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @M: non possono chiederti di fare ferie per farti fare una visita, peraltro non possono farti fare una visita da un medico di loro fiducia. chiedi spiegazioni.

      Elimina
  114. Ciao, avrei bisogno di un informazione io sono entrata in malattia il 14 dicembre 2015 poi ho utilizzato dei giorni di ferie il 30 e 31 dicembre 2015 e dal 2 di gennaio sono a casa in malattia. I 180 giorni se ho capito bene partono dal 2 gennaio è corretto?
    Grazie mille e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 2 aprile: la malattia si conta dal 14 dicembre.

      Elimina
  115. Salve ho il ccnl di treni italia inclusi forse alcuni accordi di settore. Nel 2014 ho fatto 15 giorni di malattia. Nel 2015 sono stato in malattia dal 21-9 al 20-12. Nel 2016 ho fatto finora solo 2 giorni di malattia. Dovendo forse affrontare l'intervento chirurgico, quanti giorni di malattia posso ancora usufruire? Quando si esauriscono?Quando (e quanti) dovrei eventualmente chiedere i mesi di aspettativa se ci fossero complicanze? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 9 aprile: non conosciamo il periodo di comporto per il tuo ccnl, senti un sindacato di settore.

      Elimina
  116. Salve Sig.ra Arianna,

    Io sono impiegato 3° livello CCNL Metalmeccanici Industria. HO lavorato 2 anni come interinale e poi sono stato assunto dall'azienda a Gennaio 2014. Il periodo di comporto si conta dal primo evento morboso a partire dal 2014, oppure si azzera alla fine di ogni anno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 11 aprile: no, si azzera solo passati i 3 anni.

      Elimina
  117. salve ...io sono stata malata da ottobre 2015 fino ad aprile 2016...il mese di aprile mi è stato decurtato lo stipendio....è regolare? sono una commessa di un supermercato. .

    RispondiElimina
  118. Buongiorno,
    la mia situazione è particolare e cercherò di essere il più sintetico possibile per avere una vostra gentile opinione in merito:
    1) sono stato assunto a tempo indeterminato il 4 giugno 2015 con contratto commercio/terziario
    2) mi sono ammalato la prima volta il 30 di giugno e ho fatto 15 giorni di malattia e poi sono rientrato al lavoro il 13 luglio
    3) mi sono ammalato nuovamente il 7 agosto e sono rientrato al lavoro il 3 novembre
    4) mi sono ammalato nuovamente (ricaduta)il 30 novembre sempre del 2015 e, ad oggi, sono tutt'ora in malattia.
    A febbraio mi sono recato dai sindacati con certificati medici alla mano e contratto i quali mi hanno comunicato che il mio periodo di comporto scadeva a febbraio.
    Ad oggi io continuo a ricevere lo stipendio dall'azienda.
    Secondo voi cosa può essere successo, nel contratto che ho firmato non c'è nulla riguardo alla durata delle malattia ma rimanda al contratto di categoria 8commercio e terziario).
    Vi ringrazio e spero di ricevere una vostra opinione in merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 16 maggio: ha ragione il sindacato, non so dirti il perché del comportamento della tua azienda.

      Elimina
    2. Grazie Arianna per la sollecitudine. In effetti le ipotesi sono due:
      1) Si sono e si stanno sbagliando, mi sembra strano è una media azienda con quasi 200 dipendenti
      2) Lo stanno facendo con scopi "solidali" ma non avrebbe forse senso perchè continuerei a maturare ferie e TFR credo (purtroppo non ho visibilità delle buste paga).
      L'unica differenza che ho notato è nell'importo dello stipendio degli ultimi due mesi (marzo e aprile) dal quale mancano 200/300 euro circa rispetto al mio stipendio pieno.
      Non so come muovermi.

      Elimina
    3. @anonimo 16 maggio: ti conviene sentire l'azienda e capire come vogliono procedere.

      Elimina
  119. Buongiorno, sono un datore di lavoro, superato il periodo di comporto per una commessa di 4livello, vorrei sapere 2 cose :

    1) se non viene licenziata ma si attende il suo rientro, e poi lei si rimette in malattia . Quanto tempo dura il mio diritto a licenziare ?

    2) se il dipendente rientra da qualche giorno di lavoro e poi si rimette in malattia , relativamente al suo contratto nazionale . Chi paga?

    3) se il dipendente prima del comporto chiede le ferie , posso posticiparle ? Obbligandolo così al rientro ?

    Ho chiamato l'inps non hanno saputo rispondere a nemmeno una di queste domande, dato che in questo paese i problemi ce li dobbiamo risolvere tra noi penso che tu Arianna mi saprai dare una mano .

    Grazie mille

    Attendo un tuo parere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 27 maggio: 1. il licenziamento deve avvenire subito, non è possibile attendere.
      2. inizia daccapo la malattia, quindi come sempre
      3. la malattia annulla le ferie.

      Elimina
  120. Buonasera sono impiegato con ccnl commercio. Il 14 aprile sono entrato in infortunio per incidente in itinere che ha causato una lesione tendinea a un spalla. A oggi sono ancora in inail ma mi è stato prospettato nell'ultima visita di controllo una operazione chirurgica per risolvere il problema e il medico vorrebbe quindi chiudere l'infortunio al prossimo incontro il 9 giugno e proporre invalidità. Ho sentito altri specialisti e dichiarano che non serve operazione ma diversi cicli di fisioterapia. Ora visto che inail mi ha già fatto un ciclo di fisioterapia non capisco perché non mi proponga un altro ciclo per ottenere piena guarigione (ho chiesto il medico dice che lui fa cosi) invece che chiudere l'infortunio con l'evidente problema medico ancora da risolvere. Nel caso sarebbe appellabile la scelta inail di chiusura e se si è possibile fare riaprire d'ufficio la pratica e forzarli a fornirmi le cure adeguate (fisioterapia) fino a guarigione? Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 31 maggio: devi sentire un sindacato di categoria.

      Elimina
  121. Buongiorno
    sono assunta con CCNL terziario a tempo indet.. Sono in malattia dal 13 novembre 2015 e attualmente ho un certificato che scade il 30 giugno, fatto perchè mi era stato detto che il periodo di comporto veniva ricalcolato con l'iniziare del 2016. Se non fosse così ho già superato il detto periodo ma l'azienda non si è fatta ancora sentire. Come devo muovermi?
    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @roberta: corretto, si è azzerato. Comunque senti la tua azienda per correttezza.

      Elimina
  122. quindi come si calcola il periodo di comporto nel CCNL commercio? l'azienda mi dice che sono 180gg a partire da novembre. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @roberta: scusami, non avevo compreso bene la domanda. Devi calcolare 180 giorni dal 13 novembre...

      Elimina
  123. buonasera mio suocero, falename, il 15 dicembre è stato investito, tra pochi giorni scadono i 180gg di mutua. Sapevo ,forse sbagliando, che allo scadere rientrando almeno per 1 giorno si riaccendevano altri 180 gg. Premetto che a marzo 2017 andrebbe in pensione, e che a causa dell incidente è ancora in stampelle. come poter fare per usufruire di altri giorni di mutua?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @francesca: ti conviene sentire un consulente del lavoro. Non ha molte possibilità purtroppo.

      Elimina
  124. ok grazie. allora ho superato già i 180 gg ma ho chiamato in azienda e sono tranquilli.dicono di finire la malattia, poi fare le ferie e rientrare il 21 luglio. cosa devo pensare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @roberta: sentì un consulente del lavoro.

      Elimina
  125. Buongiorno,sono malato oncologico in mutua dal 4 marzo scorso.Sono impiegato metalmeccanico di 6 liv. con anzianita'di servizio in azienda di 18 anni.Dato che mi e' stata prospettata la possibilita' di intervento chirurgico piu' eventuali altri cicli di chemio/radioterapia,vorrei sapere cortesemente fino a quando dovrei essere tutelato per eventuale perdita del posto di lavoro.Grazie per la risposta e cordiali saluti Francesco Porro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @francesco porro: vista la delicatezza della tua situazione, ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato di categoria che ti assista.

      Elimina
  126. buona sera oggi ho ricevuto la busta pa ga con scritto che il netto era 0 per superamento del periodo di comporto, ho chiamato in azienda emi è stato detto che non pagando piu inps non mi spetta retribuzione,al che ho chiesto come mi dovevo comportare se dovevo inviare comunque la malattia nonostante non mi retribuissero e che che conseguenze ci saranno e mi hanno detto che mi faranno sapere al piu presto.
    puo l'azienda non pagare la malattia e non licenziarmi secondo voi cosa succede adesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 1 luglio: devi sentire un consulente del lavoro, è poco chiara la tua situazione.

      Elimina
  127. Salve,sono stata assunta gennaio 2012 con contratto industria informatica,dal 30 settembre 2015 mi sono messa in malattia per un tumore al ovaio sinistro,sono stata operata ad ottobre e dopo ho fatto sei cicli di chemio terapia,sono ancora in malattia,ma stamattina ho ricevuto un telegramma da parte del mio datore di lavoro dove mi comunica il licenziamento immediato per raggiungimento del periodo di comporto..volevo sapere se dal tipo di contratto mi spetta il comporto prolungato e di quanti giorni esso è composto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 1 luglio: non conosciamo il comporto per il tuo ccnl. Comunque hai certamente superato il termine, anche nel caso come il tuo di grave patologia.

      Elimina
  128. Buongiorno, mi è giunta oggi la raccomandata da parte dell'azienda con la risoluzione del rapporto di lavoro per il superamento del periodo massimo di comporto previsto da contratto (commercio e terziario). Io sarei in malattia fino al 31/7 e difatto ho superato il periodo di comporto, volevo sapere se ho diritto a fare la domanda per la Naspi o se devo attendere la scadenza dell'ultimo dcertificato prima di procedere.
    Grazie mille
    Grazie mille per la collaborazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 13 luglio: per questo contatta l'inps.

      Elimina
  129. Buongiorno, III livello commercio e terziario. Sono stato licenziato per giustificato motivo oggettivo e nella lettera è scritto che mi verrà corrisposta l'indennità sostitutiva di preavviso. Nel mio inquadramento mi sapreste gentilmente dire a quanto ammonta? 20 o 30 giorni?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 26 luglio: quanti anni di anzianità hai?

      Elimina
    2. ciao Arianna, 14 mesi di anzianità ca. grazie

      Elimina
    3. dovrebbero essere 30 giorni giusto?

      Elimina
    4. @anonimo 28 luglio: sono 20 giorni.

      Elimina
    5. scusa Arianna, mi risultano 20 giorni nel caso sia io a dimettermi mentre in caso di licenziamento siano 30.. così si evince dal contratto di categoria ssnl terziario e servizi. sbaglio? L'ultima modifica all'indennitò di preavviso è stata apportato solo ai giorni in caso di dimissioni volontarie.

      Elimina
    6. Ciao Arianna, mi sono informato dal sindacato. Sono 30 giorni in caso di licenziamento.

      Elimina
  130. Ciao sono Pasquale. Sono stato ricoverato 30 giorni in ospedale per un intervento di protesi al ginocchio. Volevo sapere se questo periodo rientra nel comporto di malattia e se ne è esente. Grazie

    RispondiElimina
  131. Salve, scusate volevo chiedere se e possibile inviare una mail privata a qualche moderatore con lo specchietto della malattia inviatami dalla mia ditta e chiedere chiarimenti. non riesco a capire nulla. GRazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @caf uilm: vai nella sezione contatti, c'è l'email...

      Elimina
  132. Buongiorno Arianna,
    lavoro in un'azienda da 15 anni e sono in malattia dal 17 maggio 2016 con certificati continuativi per un unica patologia.
    Nel frattempo in un incidente domestico ho subito la frattura del coccige ed ora alla scadenza del vecchio certificato (2 ottobre 2016) dovrò iniziare un'altra malattia per questa nuova patologia.

    Quando scade il mio periodo di comporto? (Ccnl commercio)

    Nel caso in cui non sia guarita dalla nuova patologia e torni a lavorare per qualche giorno poi mi rimetta nuovamente in malattia il periodo di comporto ricomincia daccapo?

    Grazie anticipatamente
    Stefania

    RispondiElimina
  133. Buongiorno, se un dipendente fa 180 giorni di malattia in un anno solare, deve recuperarli in quanti giorni, mesi o anni?

    Grazie mille
    Fabrizio

    RispondiElimina
  134. Buona sera, sono una categoria protetta e volevo avere un'informazione.
    Nell'arco degli ultimi 3 anni sono stato assente da lavoro 184 giorni per malattia,per aver fatto contolli,visite e un intervento e sono stato licenziato. E giusto? vorrei avere una risposta gentilmente all email sotto indicata.
    danielschiavone@libero.it
    grazie e Arrivederci.

    RispondiElimina
  135. Buongiorno, l'infortunio in itinere approvato e gestito dall'INAIL in quanto tale concorre al conteggiodei termini di comporto come la malatti a normale? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @michele: no, in quanto infortunio non conta nel comporto.

      Elimina
  136. l'infortunio in itinere concorre al calcolo del periodo di comporto,e se si supera tale periodo di comporto si viene licenziati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 22 ottobre: no, credo di averti già risposto sopra.

      Elimina
    2. Guardi che Io sono stato licenziato sotto infortunio in itinere gestito da INAIL x aver superato i 180 giorni di comporto,e tutti approvati da INAIL

      Elimina
  137. scusami e perchè? non hai fatto causa?

    RispondiElimina
  138. Salve,ho girato vari avvocati e sindacati e tutti mi hanno detto che non e possibile fare causa ne impugnare il licenziamento perche è un infortunio in itinere e,come per la malattia vale il conteggio del periodo di comporto di 180 gg(io appartenevo al ccnl terziario commercio).il conteggio del periodo di comporto non vale solo se si tratta un infortunio sul lavoro causato durante il servizio.
    Io sono stato 9 mesi sotto infortunio in itinere gestito da Inail,e tutti fatti in ospedale e centri di riabilitazione.
    Adesso dopo 10 anni di servizio sono disoccupato e invalido Inail.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo quando scusa? io ho letto che la Cassazione ritiene il contrario.....sentenza del 2013...

      Elimina
    2. Infortunio inail occorso da maggio 2015 sino a marzo 2016..
      Se vuoi sn disp x info.

      Elimina
  139. si mi piacerebbe perchè sono un poco confuso al riguardo. Ho sentito sia avvocato che INAIL i quali mi dicono il contrario....come facciamo?

    RispondiElimina
  140. salve, vorrei sapesere se nel caso di 2 eventi di malattia superiori a 91 giorni, nell'arco dei 3 anni, spetta il comporto prolungato, ind metalm con 20 anni di anzianità. grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @cosimo: si, comunque ti consiglio di rivolgerti ad un patronato.

      Elimina
  141. Salve lavoro da 18 anni come impiegato nel settore industriale chimico. A causa di una patologia abbastanza rara (ma non ancora oncologica) ogni 3-4 mesi circa devo sottopormi ad intervento chirurgico e dopo ogni intervento devo fare circa 3 settimane di malattia. Negli ultimi 4 anni ho subito 1o interventi chirurgici. Ho visto che il periodo di comporto per il settore chimico è di 12 mesi in 36 mesi ho alcune domande: 1) Volevo sapere come faccio il calcolo...se si devono contare gli anni solari o come? Oppure per ogni evento devo contare 3 anni a ritroso dalla data in cui mi trovo? 2) Inoltre volevo chiedere ... Ma c'è un momento in cui l'azienda deve avvisarmi del fatto che mi sto avvicinando alla fine del periodo di comporto (o relativamente la mia situazione per il periodo di comporto) oppure sono io che devo farmi il calcolo ogni tanto per vedere come mi trovo? ... cioè vorrei evitare che un giorno mi sveglio e vengo licenziato così senza preavvisi ne niente. 3) finito il periodo di comporto l'azienda potrebbe anche Non licenziarsi giusto? O deve farlo per forza per legge o per qualche motivo nei confronti dell'INPS? Grazie mille in anticipo per la vostra risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @fagiolina: devi rivolgerti ad un sindacato di categoria.

      Elimina