Come funziona l'indennità di trasferta nel CCNL Metalmeccanici Industria

Quando i lavoratori con Contratto Metalmeccanici Industria devono operare al di fuori della loro sede, è prevista un'indennità di trasferta che risarcisce in modo forfettario le spese sostenute.

Gli importi attuali dell'indennità sono in vigore dal 1 gennaio 2009:
  • trasferta intera: 40,00 euro
  • quota per il pasto (pranzo e cena): 11,30 euro
  • quota per il pernottamento: 17,40 euro
E' bene sapere che il rinnovo dei Metalmeccanici 2013-2015 ha portato un un aumento dell'indennità di trasferta dal 1 gennaio del 2014.

Oltre all'indennità spetta al lavoratore anche il rimborso delle spese di viaggio e di altre eventuali spese sostenute per portare a termine la missione. 

L'azienda può decidere anche di dare un rimborso delle spese di vitto e alloggio che andrà a sostituire, anche in modo parziale, l'indennità di trasferta.

Il testo del CCNL prevede che venga versato al lavoratore in busta paga l'importo per il pranzo nel caso in cui la trasferta sia effettuata ad una distanza superiore ai 20 km. L'importo della cena spetta invece se il lavoratore non riesce a rientrare a casa entro le 21.00.

Per quanto riguarda il tempo di viaggio, cioè i tempi necessari al lavoratore per arrivare nel luogo dove si svolgerà la trasferta, questi devono essere pagati in busta paga all'85% (es. se si prende 10 euro lordi all'ora, per 1 ora di viaggio spettano 8,5 euro).

Diverse sono invece le percentuali degli straordinari, che non possono superare le 2 ore giornaliere.


[Aggiornamento del 28/11/2016] E' stato siglato il rinnovo 2016-2019 dei Metalmeccanici.

, , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

143 commenti :

  1. Molto interessante! Invece per il CCNL commercio come funziona? Sarebbe molto apprezzato se riuscite a postare un articolo anche per questo CCNL. Grazie

    RispondiElimina
  2. @davide: il tu ccnl e' commercio? Qual'e' la tua mansione?

    RispondiElimina
  3. Si CCNL commercio 3° livello. Sono un consulente informatico e lavoro spesso in trasferta.

    RispondiElimina
  4. @davide: e ti viene corrisposta una indennità?

    RispondiElimina
  5. Le spese di viaggio/alloggio/pranzo e cena vengono pagate dall'azienda. Percepiamo a titolo di rimborso forfettario 13 euro al giorno (mi pare che il max possibile per legge sia 15,49) erogati fuori busta paga.
    Questo sia per le trasferte nazionali che estere. Non ci vengono riconosciute le ore di viaggio ne le ore di straordinario.

    RispondiElimina
  6. Salve,
    sono un consulente informatico assunto con CCNL Metalmeccanico.
    Di solito presto lavoro nella sede di un nostro cliente ma, a volte, mi capita di dover andare presso la sede di un cliente del nostro cliente che dista 20km dalla mia sede "abituale".

    Gentilmente, vorrei sapere:
    - essendo assunto da X e lavorando nella sede del cliente Y (14 km dalla sede X e in un altro comune) mi spetta l'indennità di trasferta?
    - ammesso che la sede Y sia la mia "abituale", quando vado da Z (che non ha nessun legame con la mia società X!) e dista 20km da Y, mi spetta l'indennità di trasferta?

    Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  7. @anonimo 30 ottobre: se è riportato nel tuo contratto che devi lavorare presso un cliente allora non ti spetta nulla.
    nel secondo caso invece ti spetta.
    tuttavia devi far leggere il tuo contratto da un consulente del lavoro perché potrebbero aver messo una clausola per il lavoro fuori sede.

    RispondiElimina
  8. @arianna, specifico il commento anonimo precedente..
    Da contratto: "La sede di lavoro è Milano (MI) e provincia; l'Azienda si riserva il diritto di affidarle compiti e mansioni anche fuori sede."

    Grazie mille.

    RispondiElimina
  9. @anonimo 30 ottobre: allora possono mandarti fuori sede ma devon eventualmente pagarti la trasferta.

    RispondiElimina
  10. @arianna, sempre riferito al commento anonimo del 30 Ottobre..

    un anno e mezzo fa, per 4/5 mesi mi mandarono in un'altra sede di un cliente di un nostro cliente..

    Tralasciando il discorso "etico", potrei ora reclamare l'indennità per il periodo di lavoro in trasferta prestato più di un anno fa?

    Grazie ancora.

    RispondiElimina
  11. @anonimo 30 ottobre: diciamo che potresti farlo ma non so quanto ti convenga a livello di "rapporti di lavoro" con i tuoi responsabili.
    forse è meglio che provi a chiedere qualcosa per quello che fai ora.

    RispondiElimina
  12. @Alessandro: devi concordare con il datore di lavoro un'indennità di trasferta, anche minimi nel caso tu non soggiornassi fuori la notte.
    se hai dubbi parla con un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  13. ciao
    per trasferta intera (40 euro) si intende la somma delle varie quote (2 pasti e pernottamento)? oppure è un'indennità di trasferta a cui aggiungere le quote di pasto e pernottamente?

    RispondiElimina
  14. @anonimo 29 novembre: e' la somma di pasto e pernottamento.

    RispondiElimina
  15. Ciao,

    sono un consulente informatico assunto con CCNL Metalmeccanico Artigiani.
    Lavoro per quasi tutto il mese in trasferta. Per il viaggio il tempo totale speso è di circa 2 ore.
    La macchina è aziendale e non guido io.

    Fino a oggi percepisco 15 euro di indennità di trasferta (netti) solo l'orario globale supera le 9 ore - escludendo l'ora per il pranzo.
    Al mese mi spettano - sempre - 20 ticket da 5 euro.

    Visto che ho intenzione di parlarne con il mio responsabile, ho due domande:
    - l'indennità di trasferta copre le ore viaggio oppure devono essere considerate a parte (85% della retribuzione oraria) dal datore di lavoro?
    - in caso di straordinari (più di 8 ore lavorate escludendo le ore viaggio) vorrei sapere in che modalità possono essermi riconosciuti.

    Grazie in anticipo per la vostra risposta! Andrea

    RispondiElimina
  16. @andrea: sono da considerare a parte le ore di viaggio.
    per gli straordinari ti deve essere data una maggiorazione del 25%.

    RispondiElimina
  17. Ciao mi chiamo Matteo e lavoro per un'azienda informatica con contratto indeterminato 6' livello Metalmeccanico. Sto per cominciare il terzo anno di lavoro presso al cliente che dista circa 500km dalla mia sede originaria. L'azienda mi riconosce il forfettario di 42,80 un viaggio di andata ad inizio anno ed uno di ritorno a fine anno... senza pausa tra un'anno ed un'altro della mia trasferta... ecco io non sono sicuro che l'azienda possa usare lo stato di trasferta per nascondere quello che dopo 2 anni e con questo 3 di lavoro presso il cliente sembra davvero un trasferimento... poi vorrei sapere se esiste un tempo massimo di trasferta, se mi posso rifiutare secondo contratto nazionale di recarmi in trasferta e se è vero che possono pagarmi un solo viaggio di andata ed uno di ritorno in sede originaria a l'anno. Grazie Mille
    Matteo

    RispondiElimina
  18. @matteo pisa: per esigenze aziendali possono richiederti di lavorare presso un cliente anche per un lungo periodo.
    devi sentire un consulente del lavoro per capire se puoi richiedere qualcosa in più per il tuo trasferimento.

    RispondiElimina
  19. @arianna Grazie mille

    RispondiElimina
  20. Ciao volevo un informazione, sono assunto con ccn meccanica artigiani,volevo sapere se le spese di trasferta e' giusto che le paghi io per poi farmelo rimborsare il mese dopo o il datore di lavoro le deve anticipare.grazie

    RispondiElimina
  21. @anonimo 12 dicembre: a mio avviso e' corretto, importante e' che ti vengano restituiti i soldi.

    RispondiElimina
  22. Sono contratto metalmeccaniconindustria 5livello.andro in trasferta in canada presso altro stabilimento del gruppo .il viaggio il vitto e l.alloggio vengono pagate dalla mia azienda.vorrei sapere cosa mi spetta come indennita di trasferta e come vengono considerate le ore viaggio ed eventuali straordinari effettuati nellabtrasferta. Inoltre se al ritorno in italia dovesso ancoea svolgere delle mansioni riguardanti il lavoto che ho svolto in canada per porterlo a termime, cosa devo choedere alla mi azienda come mansione aggiuntiva.considerando che ho da svolgere gia la mia mansione qui in italia., come.posso far valere il fatto che svolgo contemporaneamente l'altra mansione per portar a teermine la missione canadese. Grazie

    RispondiElimina
  23. @anonimo 12 dicembre: hai diritto all'indennità di trasferta e inoltre le ore di viaggio ti devono essere pagate all'80%.

    RispondiElimina
  24. Buongiorno,
    Ho un contratto metalmeccanico terzo livello ,
    Il mio lavoro mi porta almeno 3 volte alla settimana fuori sede, con partenza ore 6:00 e rientro e volentieri in sede dopo le ore 19, mi reco in sede per tutte le volte così da prendere il mezzo ( che tra l'altro guido io ) per poi partire.
    Le mie ore di viaggio sono considerate tali? Oppure no?
    I famosi 42€ per la trasferta, sono in aggiunta al valore vero del pernottamento pranzo e cena ? Oppure li devo far bastare?

    RispondiElimina
  25. @anonimo 9 gennaio: come indicato nel post Oltre all'indennità spetta al lavoratore anche il rimborso delle spese di viaggio e di altre eventuali spese sostenute per portare a termine la missione.

    RispondiElimina
  26. Salve, sono un impiegato di 6° livello, metalmeccanici, assunto con contratto a tempo indeterminato, con generica disponibilità a trasferte all'estero. Ora tra tre mesi ci sono le elezioni amministrative locali e sono candidato in lista. Posso rendermi indisponibile alla trasferta per essere presente ai vari incontri pubblici e per la normale campagna elettorale?

    RispondiElimina
  27. salve mi chiamo Giuliano sono assunto a tempo indeterminato come 6° livello intermedio da 3 anni in una spa con contratto metalmeccanici,tutti i giorni per recarmi al lavoro faccio circa 2 ore di viaggio fuori orario.L'azienda non mi paga l'indennità di viaggio giustificandosi che per il 6° livello non è previsto da contratto nazionale,vorrei precisare che i primi 2 anni mi venivano retribuite forfettarie,nel 2013 hanno deciso di cambiare e di pagare le ore di viaggio effettive all'85% da quel momento non ho più visto un centesimo.so che gli straordinari non mi spettano ma le ore viaggio?
    saluti

    RispondiElimina
  28. @giuliano: devono pagarle all'85%.

    RispondiElimina
  29. @Arianna,
    ciao e grazie per tutte le informazioni. ti chiedo se è mai possibile pagare 2 pasti più il pernottamento all'estero con 40 euro!
    a parte ciò, credo che l'indennità di trasferta vada attribuita a prescindere dal rimborso pasti-pernottamento, considerando (parlo di trasferta all'estero) che si lascia la casa, la famiglia, gli impegni per giorni. Il mio datore di lavoro non ha mai parlato di ore di retribuzione per il tempo del viaggio. ad esempio, valgono 13 ore di aereo per raggiungere gli stati uniti? in questo caso come si procede? Grazie.

    RispondiElimina
  30. @sara: le ore di areo ti devono essere retribuite come viaggio (85%).
    inoltre per una trasferta estera devono darti un'indennità e il rimborso vitto e alloggio.

    RispondiElimina
  31. salve, ho un contratto metalmeccanico di 5 livello. A breve svolgerò il mio lavoro negli USA per dodici mesi. Vorrei sapere se oltre a tutte le indennità elencate nell'articolo, ho diritto a un volo a\r pagato o rimborsato dalla società (un volo per tornare a casa una tantum) e se si con quale scadenza.
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
  32. @lisa: hai diritto al volo a/r, vitto e alloggio.

    RispondiElimina
  33. Salve, sono impiegato metalmeccanico di 5° livello, lavoro nel campo informatico, almeno 3 gg alla settimana devo recarmi nella sede di un cliente come consulente e dista circa 70Km dalla mia sede lavorativa.
    L'azienda mi fornisce l'autovettura completamente spesata ed eventuali pasti. In questo caso mi possono applicare la tariffa dell'85% nelle ero che eccedono alle 8 lavorativi per il viaggio ? O dovrebbero riconoscermi anche l'indennità di trasferta. Quello che non è chiaro è se l'indennità di trasferta copre già tutte le spese o è in aggiunta alle spese. Con 42 euro sicuramente non dormo fuori e non posso fare due pasti.
    Grazie.

    RispondiElimina
  34. @anonimo 13 marzo: ma tu dormi fuori? L'azienda ti paga anche l'alloggio?

    RispondiElimina
  35. no, rientro quasi tutte le sere e quasi sempre in straordinario, mi è capitato di dormire fuori e l'azienda ha pagato l'albergo, a me non è stato mai riconosciuto nulla di più. Mi chiedevo appunto se le ore che eccedono sono di viaggio possono pagarmele all'85% senza riconoscermi null'altro.

    RispondiElimina
  36. Arianna, le indennitá per le trasferte italiane ed estere (entro due e trecento giorni all'anno) menzionate con una voce specifica in busta, entrano nel conteggio del tfr? (impiegato metalmeccanica industria)
    ciao
    Franco

    RispondiElimina
  37. @franco: si in quanto concorrono a formare il lordo mensile.

    RispondiElimina
  38. ciao si può usare la trasferta italia per incentivare gli staordinari(i lavoratori non effettuano nessun spostamento è solo una modalità sennò loro dopo un tot di str. si stoppano...è normale????) ciao

    RispondiElimina
  39. @anonimo 21 marzo: spiegati meglio.

    RispondiElimina
  40. l'azienda previo privato accordo con i lavoratori dice di andargli incontro ciè dopo la25 esima ora di straordinario tutte le altre e a volte superano anche le 80 gliele mette come trasferta italia....con qquesta modalità si va avanti da anni impedendo così di dare credo occupazione ad altri e rischiando anche la salute lavorano tutti i giorni senza sosta.......che si può fare...ciao grazie

    RispondiElimina
  41. contratto metalmeccanici 3L.
    Lavoro dalle 08.30 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 17.30. Se vengo comandato in trasferta oltre i 20 km la trasferta scatta a prescindere e quale e' il suo importo?
    Inoltre il ccnl parla di diritto alla trasferta anche sotto i 20km laddove non si riesca a rientrare per ora di pranzo. Questo vuol dire che la traferta oltre i 20km scatta a prescindere dall'ora di rientro dalla missione?
    Grazie

    RispondiElimina
  42. @oliviero: si, scatta a prescindere. ti conviene sentire un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  43. gentilissimo. E, se posso, quale e' l'importo?

    RispondiElimina
  44. Salve,
    Sono sesto livello in una azienda metalmeccanica e mi trovo in trasferta all'estero. Considerando chepercepisco una trasferta giornaliera fissa,mi è stato detto dall'azienda che qualora dovessi prendere di ferie il venerdi o il lunedi o entrambi perderei la trasferta anche del sabato e della domenica. E' regolare? Grazie.

    RispondiElimina
  45. @anonimo 21 aprile: si è regolare.

    RispondiElimina
  46. Buongiorno. Mi chiamo Leandro e sono un dipendente a tempo indeterminato contratto metalmeccanico artigiano 4 livello.
    Svolgo un lavoro di assistenza tecnica informatica e meccanica nel centro Italia quindi a pranzo mangio sempre fuori.
    Tre domande: Ho diritto ad una diaria come indennità al dover continuamente mangiare fuori dato che sul contratto il luogo di lavoro specificato è la sede dell' azienda?
    Se non riesco a tornare prina delle 21 a casa sono obbligati a pagarmi anche la diaria serale?
    Quando porto le fatture o gli scontrini parlanti per il pranzo effettuato è giusto che mi rimborsano solo 7,50?
    Quello che voglio ben capire è che oltre al rimborso pie di lista ovvio ma con limitazione ingiustificata..... mi spetta una diaria perché mangio sempre fuori oltre certamente i 20 km?
    Grazie infinite per la vostra risposta e attenzione

    RispondiElimina
  47. @leandro: non hai diritto all'indennità per il pranzo fuori ma se eccedi le ore 22 hai diritto alla diaria. L'importo dei buoni pasto o rimborso è a discrezione del datore di lavoro, 7,50 euro non è male.

    RispondiElimina
  48. Provo a spiegarmi meglio. Ho un contratto in cui è specificato la sede in cui devo svolgere il mio lavoro. Ogni giorno però sono in trasferta ben oltre i 20 km per pranzo. Ho diritto ad un indennizzo? L'azienda non mi dà nessun buono pasto ma se glibporto ub fattura co scontrino parlante esempio di 12 euro me ne rimborsa solo 7,50 è regolare? Grazie

    RispondiElimina
  49. @mattia73: la quota del rimborso dipende dagli accordi integrativi interni.
    se risulti in missione ti deve essere rimborsato tutta la quota del pranzo ma non hai diritto ad un indennizzo per 20km.
    ti conviene sentire un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  50. Salve, mi chiamo Angelo.
    Lavoro presso un'azienda idraulica con contratto metalmeccanici artigiani.
    Ho provato a leggere il CCNL Metalmeccanici Artigiani ma, non ho trovato nulla riguardo trasferte e buoni pasto.
    Premetto che fino a 6 mesi fa, la ditta ci forniva buoni pasto da 5,30 euro che ora nn ha esitato a togliere con la scusa della crisi.
    Detto questo ho 3 domande:
    1- essendo la sede a modena ma lavorando spesso e volentieri in paesi limitrofi, non ho diritto ad un'indennità di trasferta?
    2- non potendo mai tornare a casa per pranzo, posso pretendere che mi siano restituiti i buoni pasto dato che spendo di tasca mia 7,5 euro minimo al giorno?
    3- quanti km devo essere lontano dalla sede dell'azienda per poter quindi chiedere un'eventuale trasferta e i buoni pasto?
    Spero possiate aiutarmi.
    Saluti Angelo.

    RispondiElimina
  51. @angelo: vista la tua situazione ti consiglio di sentire un patronato.

    RispondiElimina
  52. Buonasera,
    sono passato ad aprile da impiegato di quinto livello a sesto (metalmeccanico). Durante l'anno eseguo molte trasferte all'estero, lavorando/viaggiando in straordinario e il sabato e la domenica. Premetto che mi vengono riconosciute tutte le spese che effettuo di vitto/alloggio e trasporto. Secondo l'azienda con il passaggio di livello non mi devono essere retribuite le ore di straordinario/viaggio e nemmeno il recupero dei festivi.
    Inoltre non ho mai percepito l'indennità di trasferta. Tutto questo è corretto?
    Grazie
    Saluti

    RispondiElimina
  53. @anonimo 13 novembre: a mio avviso no.

    RispondiElimina
  54. Salve,

    se l'azienda decide di TRAFERIRE il lavoratore, non trasferta. Quanti mesi deve per contratto riconoscergli come residence? 3 o 6 mesi?
    Parliamo di contratto metalmeccanico.
    Grazie

    RispondiElimina
  55. @anonimo 3 dicembre: ti consiglio di rivolgerti ad un patronato.

    RispondiElimina
  56. Buongiorno,
    oggi l'azienda (contratto metalmeccanico 5 liv. impiegato tecnico)mi ha comunicato che per un periodo "presunto" di 2 mesi mi devo recare in cantiere all'estero(in fase di assunzione,5 anni fa, mi fecero firmare la disponibilità a trasferte estere).
    Pagheranno l'alloggio ed i trasferimenti. Cosa mi devo aspettare in busta? Ovviamente la mia mansione cambierà... da semplice impiegato ad un ruolo con maggiori responsabilità (cosa che mai nessuno metterà nero su bianco)

    RispondiElimina
  57. @anonimo 8 gennaio: ma ti hanno detto che ti cambieranno livello?

    RispondiElimina
  58. Buonasera,
    nel caso di trasferta senza pernotto e considerando che l azienda paga tutte le spese pranzo/cena eventuale e costi di viaggio, noi lavoratori abbiamo comunque diritto all impprto di € 15,49 pur non pernottando fuori?

    RispondiElimina
  59. Buongiorno a tutti,
    Sono una dipendente di quinto livello per una azienda metalmeccanica.
    Ho ricevuto dall'azienda una lettera di convocazione per partire per l'angola.
    I miei dubbi sono i seguenti:
    - spetta all'azienda informare i dipendenti sulle modalità di entrata nel paese?
    - se non ho il passaporto, la spesa per l'ottenimento é a mio carico?
    - la profilassi sanitaria prevede una serie di
    vaccini costosi, la spesa é a mio carico?
    Vi ringrazio in anticipo per le risposte.
    Claudia

    RispondiElimina
  60. @claudia: chiedi ad un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  61. @paolo bassi: si, è un tuo diritto.

    RispondiElimina
  62. @alessandro...
    ciao lavoro con contratto metalmeccanico 2 livello la sede della mia azienda si trova a circa 70 km da casa ma le varie sedi di lavoro si trovano la maggior parte nelle zone di casa mia massimo 30 km...
    mi hanno detto di nn volevvoler pagare le ore di viaggio che faccio con la mia macchina per raggiungere i siti ma mi vogliono pagare da quanfo incontro il caposquadra cioe se vado sul sito con la mia auto direttamente non vengo pagato il viaggio e al caposquadra che parte dalla sede si,o se no devo andare in sede e partire con il caposquadra per essere pagato ma è normale secondo voi questa cosa?poi ci sono altri caposquadra che partono da un paese a circa 30 km dal mio e a loro il viaggio viene pagato ugualmente se vanno direttamente sul sito senza passare dalla sede,se invece passano dalla sede no...

    RispondiElimina
  63. @alessaandro: non è corretto quanto fa la tua azienda.

    RispondiElimina
  64. buonasera sono un impiegato metalmeccanico v livello con mansioni di vendita e il mio lavoro si svolge prevalentemente in esterna con macchina aziendale e trasferte anche di più di cento km per raggiungere i clienti è corretto che non mi venga corrisposto nulla in busta paga per queste trasferte nè alcun rimborso per i pasti e venga obbligato a una pausa non retribuita dopo 4 ore di lavoro?

    RispondiElimina
  65. @filippo: no, non è corretto il trattamento che hai. tuttavia dipende dal contratto che hai firmato, se sono previste le trasferte. senti un consulente del lavoro.

    RispondiElimina
  66. Buongiorno,
    sono un informatico con inquadramento impiegato 6° livello CCNL Metalmeccanici industria.
    Ogni settimana vado in media 1/2 volte da un cliente distante 80 km dalla sede di assunzione.
    Vado con la mia macchina privata e mi viene riconosciuto rimborso di 0,40 euro per km, mi viene rimborsatq la spesa per il pranzo fuori sede, mi vengono correttamente pagati straordinari e ore di viaggio (al 85%).
    Mi deve essere riconosciuta anche l'indennità di trasferta prevista dal contratto?

    Grazie

    RispondiElimina
  67. @mario: no, se le trasferte sono giornaliere quello è tutto ciò che ti spetta.

    RispondiElimina
  68. Buonasera sono Gustavo di Monza.Trasferta estero:viaggiato sabato e domenica,ho diritto al pagamento dei 42€ al giorno oppure solo alle ore di viaggio?La domenica successiva non ho lavorato e sono rimasto in hotel;Ho diritto comunque ai 42€ di trasferta essendo fuori sede?Per paesi a rischio sicurezza es Pakistan é prevista una somma piu alta di indennità di trasferta?Grazie per l attenzione

    RispondiElimina
  69. @gustavo: Se sei in trasferta hai diritto all'indennità, anche se non lavori. Non cambia l'indennità in caso di trasferte in paesi a rischio.

    RispondiElimina
  70. Salve, vorrei un po di chiarezza nella voce "trasferta".. Sono un operaio specializzato elettricista e spesso e volentieri mi mandano in trasferta a + di 100km dalla sede, la ditta che mi paga viaggio, pranzi/cene e pernottamento dice che non mi aspetta altro poiché sostengono le spese sopracitate.. è corretto? Non mi spetta niente??

    RispondiElimina
  71. Quindi che io lavori in zona, con pranzo e pernottamento a casa o che lavori a 500km da casa con pernottamento via.. a parità di ore prendo gli stessi soldi..?? Mi sembra un po' scorretta la cosa

    RispondiElimina
  72. Salve sono un tecnico 5 livello metalmeccanico dovrò andare in trasferta in Sardegna, se non ho capito male mi spetta la seguente retribuzione :
    42,80 euro +
    11,72 +
    19,36 =
    73,88 per tutti i giorni solari di tasferta, più il rimoborso delle spese di viaggio e il pagamento delle ore di viaggio all'85% se ad esempio comincio il viaggio alle 7.00 con orario di lavoro alle 9.00, giusto?

    RispondiElimina
  73. @emiliano: Ti spetta la trasferta le altre voci sono a rimborso.

    RispondiElimina
  74. Buon giorno,ho lavorato per 4 anni con un'associazione di ambulanze private,con CCNL Anpas e inquadrato con livello B1,premetto che oltre a svolgere la mansione di autista,era compito mio tirare fuori e dentro la barella,che trasportarla e anche aiutare nel caricare il paziente,altra cosa lavoravo dalle 10 alle 12 ore al giorno dal lunedì al venerdì,e gli straordinari mi venivano pagati come trasferta italia.
    La mia domanda è questa ora che mi sono licenziato a chi posso rivolgermi per denunciare la differenza retributiva sia del livello che dei straordinari?conviene farlo?ringrazio sin da ora per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @andrea: si, puoi farlo e devi farlo entro determinati tempi. Senti un CAF.

      Elimina
  75. lavoro nel settore telefonico da quasi nove anni terzo livello in un azienda con oltre settanta dipendenti,vorrei sapere se dopo una giornata di permesso x recarmi in trasferta devo provvedere io o l'azienda e se io ho diritto ad un rimborso spese oltre al viaggio?!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 9 settembre: spiegati meglio, non capisco la richiesta.

      Elimina
  76. Salve sono un saldatore di 4 livello lavoro a massa è vivo a la spezia , volevo sapere si posso avere la trasferta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 12 settembre: no se non ti hanno trasferito e hai firmato il contratto in coscienza di ciò.

      Elimina
  77. Salve sono inquadrato come installatore di II° livello a tempo determinato in un azienda di circa 15 dipendenti.
    Vorrei sapere :
    l'azienda mi manda in trasferta. mi paga vitto e alloggio. mi spetta l'indennità di trasferta ??
    Mi spetta sia in Italia che all'estero ??
    Se si sono differenti come importo (Italia ed estero) ??
    La trasferta mi spetta per il fatto che pernotto o poiché mi sono spostato ?? mi spiego meglio.. passo 4 notti fuori ed il quinto lavoro poi rientro, senza pernottare, la trasferta è di 4 o 5 giorni ??
    Grazie tante
    P

    RispondiElimina
  78. @anonimo 14 settembre: Ti devono pagare anche l'indennita' di trasferta.

    RispondiElimina
  79. salve.il mio contratto di lavoro e finito il 31.08.2015. sono stata assunta da una impresa di pulizie tramite un agenzia di colocamento del lavoro. la mia sede di lavoro dista da casa mia 6km , e la sede del impresa piu o meno 30. nella busta paga li straordinarii mi venivano pagate come trasferta, e giusto o no? si puo fare qualcosa o no? la mia sede di rezidenza e nela stesa del posto di lavoro e nel stesso comune. ??????? grazie

    RispondiElimina
  80. @badboy2200: rivolgiti ad un sindacato.

    RispondiElimina
  81. Buongiorno, sono una dipendente a tempo indeterminato di un azienda con ccnl metalmeccanico industria (circa 150 dipendenti). Appena rientrata dopo il congedo parentale obbligatorio, hanno avuto la brillante idea di spostarmi d ufficio...non c è stato demansionamento, tuttavia il ruolo che sto ricoprendo prevede frequenti trasferte. Ne ho fatto un paio per il quieto vivere (anche in allattamento! con pernottamento fuori casa per una notte)..ora questa situazione mi inizia a pesare. Io non avevo mai dato la mia disponibilità alle trasferte....la ringrazio per la risposta.
    Il periodo d allattamento è finito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 14 ottobre: fino a 3 anni di vita del bambino puoi tranquillamente rifiutarti di fare trasferte e lavorare la domenica.

      Elimina
    2. @Fabio @Arianna: Esiste un riferimento di legge dove si dice che fino ai 3 anni di vita del bambino si può rifiutare la trasferta? Grazie

      Elimina
  82. Buongiorno Arianna,
    io le chiederei, gentilmente, un chiarimento sulla questione "indennità di trasferta": non mi è chiaro dal contratto se vada SEMPRE SOMMATA al rimborso delle spese, o sia alternativa (nel qual caso l'importo forfettario è ridicolo, specialmente per il pernottamento).

    Mi spiego:
    Sono un 6° Livello CCNL metalmeccanico e impianti, consulente informatico. Faccio in media una trasferta al mese, di 3-4 giorni, che è generalmente a 400-500km di distanza dal mio luogo di lavoro (devo prendere treno o aereo).

    L'azienda mi paga:
    - Pernottamento
    - Rimborso spese pasti
    - Tempo di viaggio all'85%.

    E basta. Non percepisco alcuna indennità per la "rottura di scatole" della trasferta, neanche quando questa inizia o termina una domenica o un sabato o quando devo partire prestissimo al mattino o tardi la sera. Tra l'altro, ho un'altra domandina: se io rientro tardi da una trasferta (es. le 2 di notte) ho l'obbligo di presentarmi al mattino al lavoro in orario normale (ore 9.00) oppure ho diritto ad un riposo minimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 16 ottobre: si ti paga tutto quello che hai elencato, non deve darti altro se non l'eventuale straordinario se lavori oltre il tuo orario di lavoro. nel caso rientri di notte, oltre le 12.00, hai diritto ad un giorno di riposo.

      Elimina
  83. Salve
    Sono stata assunta da poco con contratto a tempo indeterminato con sede lavorativa vicino casa. Ma il titolare sapendo che stava aprendo un altra sede ha messo nel contratto la possibilità di dovermi recare anche in altra sede. Questo significa che non ho diritto ad indennità di trasferta ogni qualvolta mi reco nella sede più lontana? O invece come mi auguro intende dire che non posso esimermi ma è giusto che io riceva un rimborso. ( il contatto non specifica quanti gg in un mese dovrei lavorare in altra sede) Mi chiedo come potrebbe essere compreso nell ammontare dello stipendio anche gli eventuali costi degli spostamenti se non si conoscono prima i giorni in cui si si sposta ?

    RispondiElimina
  84. @teresa: mi possono rimborsare il viaggio.

    RispondiElimina
  85. Salve, sono da 2 anni con Co.Co.Pro,l'azienda per lavorare fuori dalla comunità europea mi riconosce solo pranzo, cena e dai 18 ai 20 euro in più giornalieri in base al livello! Quando non lavoro, tipo weekend o malattia non c'è retribuzione, il viaggio non viene retribuito. Sul posto devo organizzare tutto, dal cantiere all'affitto e bollette.... Le trasferte non durano meno di un mese in media. Il datore dice di essere in linea con il CCNL, e la paga oraria si aggira intorno ai 8.90€/h lordi! In Italia si deve utilizzare la propria auto per raggiungere il cantiere di lavoro, a volte con distanza che supera anche i 60km,il tutto a proprie spese e senza alcun rimborso anche per i pasti. Questo vale anche per i contratti a tempo indeterminato. È possibile tutto questo?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @rey: tutto quello che dici è in abuso ad ogni norma sulle trasferte. Senti un consulente del lavoro.

      Elimina
  86. sera a tutti ....volevo una informazione ....io ho un contratto collettivo nazionale .... sn stato assunto in Genova dove sn residente sia io che la ditta .... avendo preso appalto a Venezia sn andato a lavorare li con vitto e alloggio pagato da me .... mi sn stati risarciti solo 5 giorni a luglio in busta paga , e poi nei mesi successivi mai niente .... ora siccome ho avuto discussioni con il principale sia per le ore mancanti in busta e sia per la trasferta ....ora il mio pricipale si difende dicendomi che il tipo di coontratto nazionale nn prevede il risarcimento della trasferta ....e vero?

    RispondiElimina
  87. buonasera, informazione: nel caso in cui azienda e luogo di assunzione siano Torino, il dipendente viene mandato a Firenze per trasferta a lungo termine, questi decide di spostare la residenza a Firenze, ha comunque diritto a tale indennità oppure decade? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 29 novembre: si, ne hai diritto comunque. Fa fede il contratto firmato.

      Elimina
  88. Buonasera, ho un contratto da impiegato di 5 livello nel settore area meccanica artigiana, settore metalmeccanica e installazione impianti.
    Quando vengo inviato in trasferta mi vengono rimborsati i pasti, mi viene pagato l'albergo, ho il rimborso chilometrico e mi vengono pagate le ore di viaggio; vorrei sapere se mi spetta anche l'indennità di trasferta.
    Grazie per le risposte, e buone feste a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 21 dicembre: si, puoi concordare anche un'indennità oltre a ciò che già ti danno.

      Elimina
  89. Indennità di trasferta è equivalente all'indennità di pernottamento?
    Cioè nei casi in cui per attività presso il cliente in ambito nazionale ci si debba fermare oltre una giornata pernottando, presso la località di lavoro (con spese pagate piè di lista con l'albergo pagato dalla azienda e il limite di spesa pari a 10 € per il pranzo ed a 30 € per la cena), può essere richiesta una eventuale indennità.
    Nel caso in cui io abbia attività personali, che possano anche produrre un lucro sia continuativo che occasionale, o comunque un interesse personale, ma che sono danneggiate dalle trasferte rispetto al personale che altresì risiede in sede fissa, non vedo perchè si debba anche subire un danno economico.

    RispondiElimina
  90. Buona sera, io lavoro presso una società di consulenza e sono assunto con un contratto metalmeccanici 5 livello. Per esigenze di lavoro vengo inviato spesso in trasferta : mi viene corrisposto l'ammontare DI 15 EURO al giorno se non pernotto fuori, mentre 23 euro in caso contrario. Non sono mai state pagate ore di viaggio e/o straordinari( che vengono pretesi anche con minacce non troppo velate).
    Alle volte sono costretto a prendere un treno alle 6 di mattina per arrivare dal cliente alle 9e30, per poi tornare nella città dove lavoro alle 9 passate per rientrare a casa alle 10. Premetto che l'azienda mi rimborsa tutte le spese (entro un massimale)...dati gli orari massacranti mi posso rifiutare o pretendere di partire il giorno prima per andare presso il cliente? Esiste un tetto massimo di ore viaggio giornaliere + lavoro presso il cliente da dover effettuare? Non so come comportarmi, ho la ragionevole certezza che se dovessi rifiutarmi o pretendere le ore viaggio verrei licenziato in malo modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 24 gennaio: quello che scrivi è una netta violazione del ccnl che hai. Devono essere retribuite le trasferte con un importo maggiore e vanno pagate le ore di viaggio.

      Elimina
  91. Buongiorno, sono un tec. Spec. 4 l trasfertista. Se non che, l'azienda dal prossimo mese in maniera marziale e senza tener conto di accordi sindacali preesistenti, sta cambiando il trattamento economico della trasferta. Da 100€ in busta paga ( quindi circa 81€ tasse escluse) che riconosceva x pranzo, cena e pernotto è passata di punto in bianco a 46€ x pranzo e cena in busta paga (circa 41€ tasse escluse) prendendosi in rimborso il pernotto previa fattura con 40€ cifra che a seconda delle zone potrebbe ritoccarsi. È cambiato anche il trattamento economico delle ore di viaggio, dal 100% all' 85%. Vorrei sapere se è consentito all'azienda rielaborare ed imporre modifiche così profonde senza alcuna mediazione di sorta...! Ringrazio dell'attenzione attendo vostra risposta...

    RispondiElimina
  92. Buongiorno,

    da qualche tempo molti di noi in azienda (CCNL Metalmeccanici 6o livello) sono impegnati in trasferta. La giornata tipo prevede circa alcune ore di viaggio e 8 ore di lavoro "fuori sede". La nostra azienda ci fornisce auto aziendale (o pagamento dei biglietti aerei o ferroviari) e rimborsi pasto/alloggio.

    Non avendo diritto al riconoscimento degli straordinari le ore di viaggio non vengono retribuite in alcun modo. Inoltre non ci è concesso accantonarle in banca ore.

    Questa situazione porta l'azienda a cercare, ovviamente, trasferimenti più economici possibile a scapito della quantità di tempo passata in viaggio (a volte si fanno viaggi di 500 e più chilometri in auto). In alcuni casi lo spostamento viene addirittura inserito successivamente alla giornata lavorativa (esempio: 8 ore di lavoro, uscita alle 17 dall'azienda, volo verso Monaco, arrivo in albergo ore 22, giornata successiva di 8 ore).
    Mi chiedo se questo sia corretto da un punto di vista normativo (etico...direi di no).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 23 febbraio: rivolgiti ad un sindacato di categoria. A mio avviso non è corretto.

      Elimina
  93. buongiorno,
    sono un impiegato del settore metalmeccanico e spesso sono in trasferta a circa 300 km da casa dal lunedì al venerdì. Ho la macchina aziendale mi pagano l'alloggio e il prenzo e mi danno 20 euro per la cena. Se dovessi rientrare in settimana per un imprevisto o per una visita medica, devono rimborsarmi la benzina e l'autostrada come se fosse un venerdì ? e le ore viaggio che mi riconoscono ad inizio e fine settimana, devono riconoscermele anche per un rientro settimanale per mie esigenze personali? grazie

    RispondiElimina
  94. Salve, sono Marco,
    da circa due anni lavoro come apprendista disegnatore elettrico in uno studio professionale.
    Ho un contratto per studi professionali di livello 4.
    Mediamente due volte alla settimana, durante l'orario d'ufficio, vengo inviato nelle sedi dei clienti che distano dal mio abituale luogo di lavoro dai 70km ai 120km. Queste "uscite" non mi vengono considerate trasferte e quindi non mi viene paga l'indennità. E' corretto?
    Grazie!
    Saluti
    Marco

    RispondiElimina
  95. Buongiorno, mi occupo del personale di un'azienda metalmeccanica, devo mandare in trasferta x un mese un dipendente, posso pagare l'indennità di trasferta a €46.48 per tutti i giorni lavorativi(dal lunedi al venerdi)?senza aggiungere rimborsi vitto e alloggio??grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 2 marzo: se paghi la trasferta secondo i minimi devi però dare l'alloggio, il vitto è compreso.

      Elimina
  96. buongiorno,
    sono consulente di un'azienda informatica 5°livello metalmeccanici.
    Tutti i consulenti percepiscono un'indennità di 15 euro lordi + vitto e alloggio quando siamo in trasferta. Il problema ad oggi si pone quando le ore di viaggio superano di gran lunga le 8h di lavoro. Cosa ci spetta in questo caso? capita spesso di dover rientrare a casa all 22 o a mezzanotte perchè il cliente dista più di 800km dalla sede. Queste ore devono essere considerate come straordinario? retribuite in qualche maniera? è previsto un recupero ore per il riposo fisiologico?
    Vi ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 8 marzo: le ore di viaggio, secondo il ccnl metalmeccanici, devono essere retribuite all'80%.

      Elimina
  97. Salve sono un apprendista manutentore di impianti meccanici livello 5 e viaggio 6 giorni alla settimana 100km di andata e ritorno fuori dalla sede con la macchina aziendale. Mi spetta la trasferta?

    RispondiElimina
  98. Buongiorno,
    sono un'apprendista impiegata marketing. Questa settimana sarei dovuta andare in trasferta in Turchia per vedere delle fiere a Istanbul, visti i recenti accadimenti ed essendo la Turchia un Paese ad alto rischio, ho comunicato al mio responsabile che non me la sentivo di andare. All'inizio il mio responsabile si è mostrato comprensivo, ma qualche giorno dopo sono stata convocata dalla manager delle HR la quale mi chiede un rimborso delle spese sostenute per il viaggio che non sono riusciti a recuperare (volo+albergo).
    Vorrei precisare che sono già dimissionaria, in Turchia sarei andata da sola, senza il supporto di un tutor e inoltre non ho ricevuto alcuna lettera di incarico formale della trasferta.
    Temo che l'atteggaimento dell'azienda sia di "punirmi" per le mie dimissioni, possono addebitarmi davvero l'importo della trasferta non eseguita?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 23 marzo: rivolgiti ad un sindacato.

      Elimina
  99. Buongiorno,
    sono impiegata commerciale di 4° livello CCNL metalmeccanica industria. Il mio contratto non prevede trasferte. Il mese scorso mi hanno mandata in trasferta per 4 giorni (3 notti) all'estero completamente spesata dall'azienda (trasporti, albergo, pasti). Ma in busta paga non ho alcun riconoscimento di trasferta (è come se avessi lavorato 8 ore nel mio ufficio). In questo caso l'azienda può non pagare un'indennità oppure mi spetta di diritto?
    grazie, Noemi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @noemi: l'indennità ti spetta nel caso di trasferta, insieme al pagamento di vitto e alloggio. chiedo spiegazioni e ricordati che ti spetta anche il pagamento delle ore di viaggio.

      Elimina
  100. Buongiorno
    sono un impiegato metalmeccanico che ha recentemente cambiato azienda.
    Dove lavoravo prima (sempre contratto metalmeccanico), quando andavo in trasferta e pernottavo fuori casa ricevevo un'indennità giornaliera per il pernottamento e mi rimborsavano a piè di lista le spese di vitto e alloggio.
    In questa nuova azienda mi riconoscono le spese di vitto e alloggio ma non mi pagano quando pernotto fuori casa a meno che non faccia almeno 5 notti consecutive fuori.
    Questa regola è scritta nella procedura trasferte ma onestamente mi sembra una regola contraria agli accordi previsti dal CCNL. Cosa ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 13 aprile: se è chiarimento indicato non c'é nulla per cui appellarsi.

      Elimina
  101. Buongiorno,

    sono un Ingegnere che lavora presso un'azienda metalmeccanica e vado spesso in trasferta all'estero per circa 13-14 gg consecutivi. Sono inquadrato con un 5 livello CCNL PICCOLA INDUSTRIA METALMECCANICA (CONFAPI). L'azienda mi riconosce tutti i costi di vitto e alloggio però non mi riconosce nemmeno un euro come indennità di trasferta. Per le ore di straordnario ho un forfait che dovrebbe coprire i sabati, le domeniche e i festivi. E' normale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 18 aprile: se lavori nei fine settimana, orario non coperto dal tuo contratto, dovresti essere pagato non con lo straordinario forfettario ma con il giorno in più. chiedi spiegazioni al personale.

      Elimina
  102. Buongiorno, sono assunto in un'azienda metalmeccanica all'artigianato come operaio di 5° livello a settembre dovrò andare in trasferta in Russia per due/tre settimane cosa mi spetta oltre la giornata pagata regolarmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 24 aprile: ti spetta un'indennità. Chiedi al personale.

      Elimina
  103. Ma dal CCNL metalmeccanici artigiani non si sa niente su questa voce?

    RispondiElimina
  104. Buongiorno, sono impiegato 4liv in un'azienda artigiana metalmeccanica.
    Vado spesso in trasferta e mi rimborsano vitto/alloggio (Nota spese).
    Nel contratto che ho firmato non é menzionata la questione trasferta, ma mi chiedevo se avrei diritto ai 46,48€ in questione, per ogni giorno di trasferta, oltre al rimborso spese di cui sopra.
    Grazie

    RispondiElimina
  105. Salve,

    sono un dipendente assunto a Napoli 6 livello con contratto CCNL Metalmeccanico Industria di una azienda SPA di consulenza informatica composta da oltre 500 professionisti.

    In caso di trasferta l'azienda si affida all'art.7 del contratto ci cui sopra in quanto non vi è alcuna
    regolamentazione interna, quindi nessun tipo di policy interna aziendale.



    In caso di trasferta in Italia, nella fattispecia a ROMA, per 3 giorni (1-2-3 febbraio) l'azienda ha sostenuto le spese di albergo e quelle di viaggio (Treno andata Napoli-Roma e ritorno Roma-Napoli) e mi è stato riconosciuto nella busta paga di Aprile un rimborso con la seguente dicitura:

    Voce: 730
    Descrizione: Rimborsi spese document.

    Competenze/Ritenute: 45,73 euro



    Tale rimborso è così ripartito:


    Giorno Rimborso Descrizione Spesa Importo Allegato

    01/02/2016 Vitto Rimborso quota pranzo (escluso Ticket da 5,29): 6,43 euro

    01/02/2016 Vitto Rimborso quota cena: 11,72 euro

    01/02/2016 Biglietti Metro relativa al giorno 01/02 e 03/02: 3 euro Con allegato

    02/02/2016 Vitto Rimborso quota pranzo (escluso Ticket da 5,29): 6,43 euro

    02/02/2016 Vitto Rimborso quota cena: 11,72 euro

    03/02/2016 Vitto Rimborso quota pranzo (escluso Ticket da 5,29): 6,43 euro



    Le stesse modalità di rimborso mi verranno riconosciute nella prossima busta paga per la trasferta di 2 giorni effettuata ad Aprile.

    Visto che l'azienda si affida all'art. 7 del contratto in assenza di regolamentazione interna, non mi spetterebbe anche l'indennità di pernottamento di 19,36 euro (per ogni giorno di trasferta escluso il giorno di rientro) che è dovuta al lavoratore che, per ragioni di servizio usando dei normali mezzi di trasporto oppure i mezzi messi a disposizione dall'azienda, non possa rientrare nella propria abitazione entro le ore 22. ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 27 aprile: la quota della trasferta è superiore al intimo imposto da contratto. http://contrattolavoro.blogspot.it/2014/07/contratto-metalmeccanici-indennita-di.html.
      Forse avete una regolamentazione e nel caso non ti spetta la notte. Chiedi al personale.

      Elimina
  106. salve,
    Sono un apprendista con ccnl metalmeccanico inquadrato come programmatore 4 livello. Il mio lavoro prevede trasferte estere presso i clienti della durata di almeno 2mesi.. Ovviamente tutto spesato e ci viene pagato solo lo straordinario.. Ma facendone tanto alla fine viene riconosciuta come diaria. Due domande: a quanto ammonta lo straordinario se x esempio lo stipendio è di 10€/ora? Mentre, possono escludere completamente l indennizzo da trasferta? In caso non ci fossero clausole nel contratto, il regolamento aziendale può influire su questo? Grazie mille e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 5 giugno: l'importo degli straordinari dipende dalla paga oraria. aumenta del 25%...
      Per quanto riguarda la trasferta il contratto integrativo regola di solito gli importi che di solito sono maggiori.

      Elimina
  107. buongiorno sono luca, lavoro in una piccola azienda con contratto metalmeccanico artigiano, iv livello come elettricista ,installatore e manutentore impianti fotovoltaici. Spesso per realizzare tali impianti mi trovo ad affrontare trasferte settimali, dal lunedi con rientro il venerdì, questo per diverse settimane consecutive. A volte l'azienda ci paga pranzo cena e albergo, altre solo cena e albergo, altre ancora è il cliente che rimborsa la nostra azienda dopo consegnato loro le fatture di spesa vitto e allogio. Volevo sapere se comunque mi spetta un indennità di trasferta giornaliera, tipo una diaria. Inoltre per alcune trasferte in sardegna con paertenza la domenica pomeriggio,non ci sono state corrisposte le ore di viaggio passate sul traghetto ma solo quelle per raggiungere il porto di partenza dalla sede e quelle dal porto di destinazione al cantiere con il furgone aziendale e viceversa. E' corretto questo? grazie in anticipo Luca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @luca: il comportamento della tua azienda non è corretto. Se ti pagano vitto e alloggio non devono darti un'indennità di trasferta. Altrimenti, se pagano solo l'alloggio, possono darti un forfettario. Comunque devono pagarti le ore di viaggio all'85%.

      Elimina
  108. Buon giorno
    sono un manutentore 5°Lv CCNL metalmeccanica CONFAPI, con utilizzo di auto aziendale
    la mia azienda a sede amministrativa di Milano e svolgiamo manutenzione.
    Io vado a lavorare direttamente sulla commessa di destinazione ,che è il cliente, scritta anche in busta paga.
    ora la domanda e se ho diritto a l'ora di viaggio?
    Mi spiego io da casa mia alla commessa ho 37Km andare e 37Km a tornare, dall'azienda alla commessa di destinazione c'è ne sono 22.
    in azienda ho fatto questa domanda e mi hanno risposto che ne ho diritto dopo i 50Km partendo dalla sede.
    grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
  109. buonasera
    sono un saldatore 5°Lv CCNL metalmeccanica la mia azienda mi ha mandato a lavorare presso fincantieri di monfalcone per un periodo piu di 3 mesi la distanza tra la sede legale della ditta e la fincantieri e 46 km , la mia domanda e, Quanti euro mi aspetta di trasferta ?? grazie

    RispondiElimina
  110. Lavoro per una ditta con contratto a tempo indeterminato come impiegato disegnatore tecnico (contratto nazionale commercio), nel caso di trasferte entro una giornata (ripetute 3/4 volte al mese così strutturate: partenza dall’abitazione (con macchina aziendale prelevata il giorno prima) 2 ore di viaggio(fuori regione 200km), 5 ore di lavoro (più pausa di mezzora), 2 ore di viaggio con rientro in azienda ci viene riconosciuta solo la paga oraria normale (come lavorando in sede) inoltra non si conteggia nemmeno l’ora di straordinario (in quanto le 4 ore di viaggio vengono pagate come ore di lavoro ma non sommate alle 5 di lavoro effettivo), i pranzi vengono rimborsati a parte.
    Non si avrebbe diritto a ”una diaria non inferiore al doppio della quota giornaliera della retribuzione” come da articolo Art. 167?
    Per una trasferta come da esempio a quanto ammonterebbe (paga orario normale 8 euro/ora)?
    Come andrebbero retribuite le ore di viaggio?

    Ps nel contratto aziendale sono menzionate le trasferte ma non viene nè menzionata/nè negata diaria, per la paga si va riferimento generico al CNNL commercio e terziario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 3 ottobre: rivolgiti subito ad un sindacato di categoria.

      Elimina
    2. Grazie della pronta risposta.
      Delle due cose:conteggiare le ore del viaggio separate da quelle di lavoro(pagandole comunque tutte) così da non creare straordinari; non riconoscere diaria.
      Sono entrambe procedura non corrette o solo una delle due?

      Elimina
  111. O un contratto metalmeccanico sono 5 livello la mia ditta per lavorare all'estero mi da una trasferta di 25 euro e vitto e alloggio ci pensa la stessa è giusto

    RispondiElimina
  112. Salve ho un contratto metalmeccanico tempo indeterminato.questa settimana sono stato a lavorare a Roma e visto che la mia sede lavorativa è in toscana siamo partiti alla 5 di mattina rientrando lo stesso giorno alle 18 e non mi è stata pagata nessuna trasferta,mi è stato pagato solo il pranzo e le ore di straordinario fatte in più alle normali 8 ore giornaliere...e mi sa che c'è qualcosa che non torna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @filippo: rivolgiti ad un sindacato di categoria.

      Elimina