Pacchetto lavoro per i giovani - L'incentivo per l'occupazione a tempo indeterminato [AGGIORNATO]

E' stata convertita in legge (n.99 del 9 agosto 2013) il  Pacchetto Lavoro  approvato dal Consiglio dei Ministri del governo Letta che comprende, tra gli altri, un incentivo per l'occupazione dei giovani dai 18 ai 29 anni.

Per ottenere l'agevolazione è necessario assumere a tempo indeterminato lavoratori con i seguenti requisiti:
  • privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. Il requisito è soddisfatto anche se il giovane è stato dipendente con contratto a termine non superiore ai sei mesi o ha prestato attività di lavoro autonomo o parasubordinato per un reddito non superiore a 4.800 euro o 8.000 euro per le collaborazioni coordinate e continuative
  • privi di un diploma di scuola media superiore o professionale
Con la conversione a legge non è più valido il requisito che prevedeva che i giovani vivono da soli con una o più persone a carico per ottenere l'incentivo.

Per ottenere l'incentivo è necessario fare la domanda sul sito Inps attraverso il modulo telematico "76-2013".

L'importo dell'incentivo è pari ad un terzo della retribuzione mensile lorda fino ad un massimo di 650 euro e la durata è pari a:
  • 18 mesi nel caso di assunzione di soggetti esterni all'azienda con aumento dell'occupazione totale aziendale
  • 12 mesi per la conversione di lavoro a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato con aumento dell'occupazione. Il datore di lavoro quindi dovrà assumere entro un mese dall'agevolazione un altro lavoratore con contratto di lavoro dipendente
Questo incentivo per i giovani può essere anche utilizzato dai datori di lavoro per assumere giovani, tra i 18 e i 29 anni, con contratto di apprendistato e usufruire quindi di agevolazioni economiche, contributive e fiscali tipiche di questo contratto. 

Il Pacchetto Lavoro, fortemente voluto dal Ministro del Lavoro Giovanninni, contiene anche diversi cambiamenti della Riforma del Lavoro (Legge Fornero):
  • ritorno a 10 e 20 giorni di durata della "vacanza contrattuale" in caso di stacchi tra un contratto a tempo determinato e il successivo (precedentemente erano diventati 60 e 90 giorni)
  • possibilità per i datori di lavoro che assumono lavoratori in ASpI di ottenere contributi pari al 50% della quota Aspi che non verrà erogata al lavoratore
Tra gli incentivi del 2013, va senz'altro ricordato quello relativo all'assunzione di lavoratori licenziati, per il quale è stato da poco pubblicato il decreto, quello per gli over 50 e donne e il bando per i tirocini di giovani laureati a 500 euro al mese. 

, , , , , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 commenti :

Posta un commento