La fine del contratto a progetto, forse non per davvero? [AGGIORNATO]

Dal 1 gennaio 2016 non sarà più possibile sottoscrivere un contratto a progetto e quelli esistenti si trasformano automaticamente in contratti di lavoro subordinato. Questa è una delle novità più rilevamenti contenute nel decreto di riordino dei contratti di lavoro all'interno del Jobs Act.

Va subito sottolineato che questa modifica avviene solo per quei rapporti di collaborazione che sono caratterizzati dal carattere di continuità e contenuto ripetitivo con luoghi e tempi di lavoro prestabiliti dall'imprenditore. Da quanto affermato quindi sembra emergere che la reale fine dei contratti a progetto sia prevista nel decreto solo per quelle collaborazioni di "basso livello". Quale è la sorte invece per quelli che svolgono mansioni non ripetitive o in luoghi e secondo tempi non prestabiliti dal datore di lavoro?

Oltre ai dubbi sopra descritti, sono previste una serie di eccezioni nelle quali la disciplina del contratto a progetto continua ad essere prevista anche dopo il 1 gennaio 2016:
  • dove ci siano specifici accordi collettivi per ragioni di esigenze produttive, per esempio nei call center
  • nel caso di collaborazioni per le quali sia necessaria l'iscrizione ad un albo professionale (es. commercialisti o contabili, psicologi, ecc.)
  • nel caso di lavoro all'interno di consigli di amministrazione, collegi sindacali o commissioni 
  • nel caso in cui il lavoro sia a favore di associazioni e società sportive dilettantistiche legate alle Federazioni
E' bene sottolineare che quanto previsto per i contratti a progetto a partire da inizio 2016 non è applicato alle Pubbliche Amministrazioni fino al 1 gennaio 2017.

Alcune norme all'interno del testo sembrano pensate più per gli imprenditori che per i lavoratori. Per esempio in caso di stabilizzazione a tempo indeterminato entro il 2015 con l'utilizzo delle assunzioni agevolate di un collaboratore a progetto, c'è la presenza di una vera e propria "indulgenza" per il datore di lavoro per tutte le violazioni effettuate in passato per quel determinato collaboratore nel caso per esempio questo sia stato inquadrato con un contratto a progetto quando invece svolgeva mansioni da lavoro subordinato. Questo significa che in caso di assunzione non si potrà può fare causa al datore di lavoro che si vedrà abbonato quanto fatto in precedenza. 

Al link di seguito si trova il testo del riordino dei contratti (legge 183/2014).


[Aggiornamento del 14/03/2016] Sul blog sono stati descritti in dettaglio i casi in cui un progetto diventa un indeterminato.

[Aggiornamento del 30/11/2015] Secondo il parere della Fondazione Studi questo incentivo può essere utilizzato anche per le assunzioni dal 1 gennaio 2016 di ex collaboratori a progetto.

,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 commenti :

Posta un commento