Contratto Industria Alimentare - Rinnovo 2016-2019

E' stato rinnovato il CCNL Industria Alimentare 2016-2019
E' stato rinnovato il 5 febbraio il CCNL dell'Industria Alimentare che sarà valido per il quadriennio 2016-2019.

Il nuovo contratto è attivo dal 10 dicembre 2015 fino al 30 novembre 2019 e coinvolge oltre 400mila lavoratori del settore. La trattativa tra i sindacati Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil e Federalimentare non è stata così lunga, soprattutto se paragonata ad altri settori, ma di sicuro è stata intensa, viste le rotture e gli scioperi necessari per arrivare a questo accordo.

Il tema più importante, quello su cui i sindacati si sono maggiormente battuti, è quello relativo all'aumento retributivo: 105 euro (parametro medio) divisi in tranche. Ma le novità per l'industria alimentare sono diverse, vediamo in dettaglio:
  • Aumento retributivo lordo: il totale degli aumenti dei minimi vanno dai 76,64 euro per un 6 livello fino ai 176,28 euro per un 1 livello super da dividere in 5 tranche:
  • Durata rinnovo: rispetto al passato la durata è stata allungata di un anno, quindi passa da 3 a 4 anni. Si allunga anche di un anno la validità degli integrativi aziendali
  • Flessibilità: aumentano le ore annue (da 72 a 88) che possono essere fatte al di sopra delle 40 ore settimanali pagate con una maggiorazione inferiore rispetto agli straordinari (20% contro 45%)
  • Part time: trasformazione da tempo pieno a part time per favorire la staffetta generazionale o in caso di calo di produzione
  • Welfare: sostegno al reddito in caso di licenziamento di un lavoratore a tempo indeterminato a cui mancano non più di 24 mesi alla pensione

, , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

1 commenti :

  1. Il CCNL non è stato sottoscritto da Unaitalia, l'Associazione di rappresentanza delle aziende di macellazione e trasformazione del settore avicolo, che in precedenza aveva sottoscritto il precedente rinnovo del 2012. Ciò in quanto le Organizzazioni Fai, Flai e Uila non hanno disdettato il precedente contratto, né permesso la partecipazione di Unaitalia al tavolo di rinnovo, né infine la successiva firma per adesione al CCNL stesso. Pertanto, per il settore avicolo, fatti salvi eventuali impegni da parte di aziende specifiche o gruppi industriali, resta valido , il CCNL 2/10/2012.

    RispondiElimina