Arriva le legge per lo smart working

Smart working
Lo smart working è una delle parole del momento, se ne parla sempre di più e in molti grandi aziende il 2017 è visto come l'anno di svolta.

Oggi nonostante non sia presente ancora una legge, sono molti i lavoratori in Italia svolgono il lavoro agile. Questo soprattutto in grosse realtà, nella maggior parte dei casi multinazionali che hanno avviato accordi individuali e collettivi che regolano questa nuova modalità di lavoro flessibile.

Abbiamo già parlato del funzionamento dello smart working ma il disegno di legge introduce alcune novità su alcuni temi chiave:
  • Oggi il recesso non ha regole fisse, dipende dagli accordi presi tra il datore di lavoro e i lavoratori (accordi sindacali). Con il Ddl sul lavoro agile è prevista una stipula per iscritto e il recesso deve avvenire:
    • con un preavviso non inferiore a 30 giorni in caso di accordo a tempo indeterminato
    • solo per giustificato motivo oggettivo in caso di accordo a tempo determinato 
  • Mentre oggi c'è molta incertezza sulle tematiche relative all'infortunio sul lavoro, con la legge il lavoratore agile ha copertura completa da parte dell'Inail contro gli infortuni, le malattie professionali e l'infortunio in itinere
  • Viene colmata l'assenza di riferimenti sul tema della salute e della sicurezza del lavoro che il datore di lavoro deve garantire anche attraverso la consegna di un'informativa dettagliata con cadenza annuale
  • Nel disegno di legge sono state soppresse le disposizioni relative alla protezione dei dati, quindi è necessario specificare all'atto della firma dell'accordo sullo smart working come trattare questi temi

[Aggiornamento 08/11/2016] Il testo della legge è stato approvato dal Senato, ora passa alla Camera.

, , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 commenti :

Posta un commento