Assegno di ricollocazione - Fino a 5.000 euro ai disoccupati

Assegno di ricollocazione
L'assegno di ricollocazione prende ufficialmente il via dal 3 aprile 2018. Ora chi è disoccupato può contare su un importo medio di 3.500 euro da utilizzare per ritrovare un posto di lavoro.

Questo assegno è previsto dal Jobs Act e fino ad oggi era stato solo sperimentato su una platea ridotta di disoccupati. A partire da aprile  tutti quelli che ne hanno diritto potranno richiederlo per cercare un posto di lavoro attraverso i centri per l'impiego o le agenzie per il lavoro.

I requisiti per ottenere l'assegno di ricollocazione sono:
  • aver ricevuto la NASpI da almeno 4 mesi
  • chi ha diritto al Reddito di Inclusione con stipula del patto di servizio
  • lavoratori impiegati in aziende in crisi, ad esempio in cassa integrazione straordinaria

L'importo varia dai 250 ai 5.000 euro e varia in base al profilo del disoccupato e dalla difficoltà di ricollocare il lavoratore. Sono valutati elementi come il luogo di lavoro o la formazione.

I lavoratori che usufruiranno di questo incentivo riceveranno un accredito e potranno presentarsi in un ente, anche patronati e consulenti del lavoro. Se la procedura va a buon fine, cioè al disoccupato viene fatto un contratto di lavoro, allora l'ente o agenzia riceveranno la quota dell'assegno di ricollocazione.


[Aggiornamento del 02/02/2019] Vista l'istituzione del Reddito di cittadinanza (DL 28 gennaio 2019 n. 4) l'Anpal ha comunicato che non è più possibile richiedere l'assegno di ricollocazione.

[Aggiornamento del 17/05/2018] L'Anpal ha comunicato che a partire dal 14 maggio 2018 è entrato a regime l'assegno di ricollocazione.

[Aggiornamento del 12/04/2018] Sono emersi alcuni problemi sui sistemi informatici e quindi l'avvio dell'assegno di ricollocazione è stato rinviato a inizio maggio.

, , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

0 Commenti :

Posta un commento