Contratto Chimico-Farmaceutico - Rinnovo 2019-2022

Contratto Chimico-Farmaceutico - Rinnovo 2019-2022
Il 19 luglio 2018 è stata siglata l'ipotesi di rinnovo del CCNL Chimico-Farmaceutico Industria per il quadriennio 2019-2022.

Il nuovo testo del contratto è stato sottoscritto da Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Ui e le le associazioni datoriali Federchimica e Farmindustria. Coinvolge oltre 170mila lavoratori del settore chimico ed è valido dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2022.

Vediamo in dettaglio le novità del rinnovo:
  • Aumento dei minimi retributivi: sono previsti un totale di 97 euro lordi (categoria D1) di incrementi salariali divisi in quattro tranche:
    • 1 gennaio 2019 (30 euro)
    • 1 gennaio 2020 (27 euro)
    • 1 luglio 2021 (24 euro)
    • 1 giugno 2022 (16 euro)
  • Viene confermato l'Elemento Distinto della Retribuzione (EDR) che sarà erogato mensilmente in busta paga:
    • 22 euro da luglio a dicembre 2018
    • 31 euro da gennaio 2019
  • A livello economico viene elevata la maggiorazione per il turno notturno (8 ore) a 13,50 euro a partire dal 1 aprile 2019
  • Welfare: a partire dal gennaio 2020 sono destinate al welfare (Fonchim, Faschim) lo 0,1% della retribuzione utile per il calcolo del TFR. Resta a carico del lavoratore la quota di 1 euro
  • Orario di lavoro
    • viene introdotto il Fondo Bilaterale di solidarietà T.R.I.S. per promuovere l'innovazione organizzativa e la valorizzazione della professionalità
    • sono previsti accordi aziendali con la possibilità di prevedere delle differenziazioni sui turni o sull'orario di lavoro tra lavoratori senior e junior
    • attraverso la contrattazione aziendale è possibile convertire quote di risorse economiche in riduzioni dell'orario di lavoro


, , , ,



About Fabio

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Commenti

1 Commento :

  1. Quello del commercio scaduto il 31.07.2018 (dopo essersi fatti buggerare da confindustria come al solito facendolo prorogare dal 31.12.2017) non interessa a nessuno invece.....che pochezza di intenti.....

    RispondiElimina